«

»

Stampa Articolo

Villaggio Prenestino. L’illuminazione stradale attende risposte da un anno e mezzo

il-presidente-del-consorzio-mariano-manoni-e-il-vice-vittorio-pardossiIl consorzio di Villaggio Prenestino è disponibile da subito a destinare fondi per illuminare le strade ancora prive di luce, per dare al quartiere la sicurezza di cui ha bisogno.

Già nel 2014 era stato progettato un intervento di pubblica illuminazione del quartiere, da cui tuttavia il Dipartimento aveva tolto alcune vie, che pertanto sono rimaste al buio. Sulla base di successivi sopralluoghi dei tecnici del Dipartimento stesso, su pressioni di Comitato di Quartiere e Consorzio, sono state individuate le 27 strade escluse dalla progettazione, di cui soltanto 16 risultate idonee a lavori.

Sulla base della norma vigente, infatti, Acea per poter intervenire ha bisogno di assicurarsi di alcuni requisiti, come che la strada sia larga a sufficienza da permettere il transito e la facilità di manovra dei propri mezzi. Trattandosi di strade private, inoltre, è necessario che i frontisti di tali strade costituiscano una servitù di passaggio in favore del Comune e dell’ente da esso incaricato al fine di garantire la messa in opera del tubo corrugato con cavo di linea, il blocco di fondazione, il pozzetto di giunto, il sostegno e il corpo illuminante: il palo della luce.

I frontisti, in qualità di concedenti, garantirebbero in questo modo al Comune, e all’ente da esso incaricato, di intervenire in qualsiasi momento, di restare proprietario dell’impianto e di tramandare questo medesimo patto a un’eventuale acquirente dell’immobile stesso.

Qualcosa però si è bloccato, nel momento in cui il Consorzio ha raccolto le prime adesioni. Mentre infatti alcuni frontisti hanno concesso senza problemi la servitù richiesta, altri si sono chiesti, anche a ragione, il perché. All’epoca dell’ex Giunta Alemanno, per strade di pari dimensioni e in assenza dei requisiti per cui oggi sono chieste le servitù di passaggio, il sindaco aveva mandato momentaneamente in deroga la norma, permettendo così l’illuminazione pubblica della maggior parte delle strade, tutte private, di Villaggio Prenestino. Senza richiedere servitù o altro.

“Alcune strade, però – sottolinea Mariano Manoni, presidente del Consorzio – In quegli anni non avevano case e sono state escluse dalla progettazione”, senza considerare che le strade si sono ampliate per far posto ad altre abitazioni. Così arriviamo a quelle 27 strade per cui nel 2014 è stato progettato questo intervento.

Come scritto nella lettera inviata via fax in data 23 dicembre 2015, “visti gli impegni  e le risorse da mettere in campo per la progettazione di tali opere, chiediamo con la presente di volerci autorizzare alla progettazione di cui sopra anche in assenza di tali dichiarazioni [i documenti concernenti la servitù, ndr], rassicurandoci sin da ora di voler comunque procedere alla convocazione dell’apposita conferenza dei servizi e di non ritenere ostativa la mancanza di tali sottoscrizioni”. Fondamentalmente si chiedono garanzie di realizzazione, a fronte dell’impiego di risorse per la sottoscrizione formale di un atto di servitù notarile.

Ad oggi non sono arrivate risposte, ma il 24 gennaio scorso il Vicepresidente del Consorzio Vittorio Pardossi informa che,in audizione anche con l’Assessore ai Lavori Pubblici e Urbanistica Sergio Nicastro, “Il Municipio si è impegnato a studiare e a fare un tavolo di lavoro con Acea e Dipartimento per chiudere la situazione”, e portare così all’avvio del progetto impantanato con la Giunta Marino. Flavio Quintilli

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/villaggio-prenestino-lilluminazione-stradale-attende-risposte-da-un-anno-e-mezzo/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.