«

»

Stampa Articolo

Villa Verde, il progetto per il “vero” parco è solo un ricordo

Parco via Gagliano del Capo con recinzioneSull’area verde che sarà semplicemente recintata con i fondi del Consorzio doveva sorgere uno spazio giochi, un’area archeologica, un campo da bocce e molto altro. A promuoverlo l’ex Comitato Spontaneo, i cui direttivi sono confluiti in parte nell’associazione Uniti per Villaverde.

In questi giorni sono in esecuzione i lavori della ditta Macciocchi per l’esecuzione di una grande recinzione attorno all’area verde all’incrocio tra via Gagliano del Capo e via del Torraccio di Torrenova. Un’operazione che mira alla semplice messa in sicurezza di un luogo in passato covo di degrado e di abbandono, ma che in realtà non sarà riqualificato come si attendevano i cittadini. Difatti attorno all’area verde (su cui insistono vincoli archeologici) si realizzerà una recinzione costruita con i fondi del Consorzio, per un costo totale di 11.700 euro, con quasi due mesi di lavori. Eppure un tempo esisteva un progetto portato in Municipio, che poi non è stato preso in considerazione. È quello dell’ex Comitato Spontaneo dei Cittadini di Villa Verde, i cui effettivi sono passati in buona parte nell’Associazione Uniti per Villa Verde. Racconta il Presidente Italo Spaziani: “Sin dal 2011 chiedevamo come Comitato Spontaneo l’affidamento di quell’area pubblica. Il 14 giugno di quell’anno la Giunta Municipale (allora diretta dal Presidente del VI Lorenzotti, ndr) ci aveva comunicato che sarebbe stato richiesto all’amministrazione centrale un finanziamento per dare attuazione a un progetto di riqualificazione. Solo in seguito si sarebbe parlato della nostra gestione”.

Due anni dopo è arrivata, visto l’immobilismo diffuso, una seconda richiesta per la gestione del luogo. A questa però si è aggiunta una proposta di progetto di riqualificazione. Un disegno ambizioso, che avrebbe previsto per il quartiere le seguenti migliorie: un teatro all’aperto, un chiosco bar, un’area giochi per bambini, una campo da bocce e una pista per correre, un parcheggio e soprattutto un ingresso per l’area archeologica presente nel sottosuolo. Il progetto tuttavia non ha mai preso piede, a causa del cambio di guida al comando del Municipio VI. Ora sotto l’Amministrazione Scipioni è stata individuata una ditta (Macciocchi) che costruirà solo una recinzione con i soldi pubblici del Consorzio, che non possiede i fondi per l’opera di riqualificazione sognata da Uniti per Villa Verde e da tutti i residenti. Termina Spaziani: “Non per quella recinzione ci saremmo fatti pagare solo i materiali. I lavori li avremmo eseguiti noi, gratuitamente”. Il risparmio magari avrebbe consentito di apportare quei servizi (spazio giochi, area archeologica ecc.) che avrebbero garantito la creazione di un vero parco. E invece “questo verde di parco ha ben poco”, come commentano i passanti su via Gagliano. Manuel Manchi

 

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/villa-verde-il-progetto-per-il-vero-parco-e-solo-un-ricordo/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.