«

»

Stampa Articolo

Villa Gordiani. Via della Venezia Giulia in preda al degrado, i cittadini lanciano l’allarme

Marciapiedi rottiAsfalto danneggiato, radici che sporgono, mucchi di foglie e lavori sospesi: quando camminare diventa un’impresa.

Via della Venezia Giulia, collegamento tra via Collatina e via della Serenissima nel quartiere Villa Gordiani, ha ormai raggiunto livelli di degrado insostenibili. Questo è quanto gridano i residenti, costretti a usufruire di marciapiedi in condizioni non solo di precaria stabilità, ma di poca sicurezza per i pedoni.

È il signor Alessandro Rossi che ci guida in un istruttivo tour lungo la strada, mostrandoci le caratteristiche che la contraddistinguono, ovviamente in negativo: “Sono anni che mi batto per cercare di migliorare le condizioni disastrose di questa strada: qui le persone non riescono a camminare per le buche e per le radici degli alberi. In passato sono stati fatti degli interventi alle tubature dell’acqua rompendo i marciapiedi e riparandoli solo con precarie toppe d’asfalto. Inoltre ci sono dei lavori a un tombino in sospeso ormai da luglio”.

Alessandro si riferisce a uno dei tombini del lato del marciapiede a numeri dispari, recintato da quattro paletti a causa di uno sprofondamento avvenuto nel luglio scorso, prontamente segnalato dai residenti e, tuttavia, lasciato nelle medesime condizioni per tutti i mesi successivi: “Il tombino è sprofondato di diversi centimetri – spiega mostrando l’evidentissimo dislivello con il bordo del marciapiede –. Anche la ghisa si è sollevata da terra, ormai è completamente divelto. Da questa apertura ho visto fuoriuscire anche dei topi. È inaccettabile che resti in queste condizioni”.

Alessandro Via Venezia GiuliaA fronte dei quattro mesi trascorsi dall’apposizione delle transenne, inevitabilmente, iniziano a manifestarsi i segni dell’abbandono: alcuni dei paletti si reggono ormai a stento, mentre foglie e fango hanno ricoperto l’apertura con uno strato di terra umida, luogo di riproduzione di vermi e fonte di cattivo odore: “Ho fatto nuove segnalazioni ai vigili ma non è servito a nulla. Ogni volta si rimanda il completamento dei lavori e le condizioni di questo tombino peggiorano di giorno in giorno”.

Il problema certamente più recente è legato alla cospicua caduta di foglie avvenuta da un mese a questa parte: una naturale causa dell’avvento dell’autunno quella che, nonostante tutto, resta una storica patata bollente della città di Roma: “Nei giorni scorsi qui c’era un tappeto di foglie bagnate. Camminare era impossibile, anche perché il manto, oltre a essere scivoloso, andava a coprire le numerose buche dell’asfalto. Pochi giorni fa c’è stato un intervento per la loro rimozione ma è stato effettuato semplicemente spazzando via il fogliame e ammucchiandolo ai lati della strada, lasciando peraltro a terra i numerosi rami secchi caduti dagli alberi. Non mi sembra un intervento molto efficace”.

Proseguendo la passeggiata, è possibile notare le crepe causate ai marciapiedi dal sollevamento delle radici dei platani che occupano la via su entrambi i lati, i quali, in alcuni punti, hanno persino spaccato il ciglio del marciapiede, aumentando di conseguenza il rischio di cadute. A darcene conferma una signora di passaggio, la quale ci racconta di essere stata vittima di una brutta caduta.

Tombino via Venezia Giulia 2Spostandoci in via San Giusto, piccola traversa di via della Venezia Giulia, notiamo immediatamente un enorme pino, che affonda le proprie radici nello strettissimo corridoio a margine della strada. Un albero enorme, che verte in evidente stato d’inclinazione: “Le radici hanno abbondantemente raggiunto la superficie – spiega ancora Alessandro – Se questo pino dovesse cadere sarebbe un disastro. Anche in merito a questa situazione ho fatto delle segnalazioni ai Vigili del Fuoco, i quali mi hanno risposto di rivolgermi al Servizio giardini. A mio avviso quest’albero rappresenta un rischio e va urgentemente messo in sicurezza”.

Quella della potatura degli alberi rappresenta un altro problema fondamentale, pur in una città ben nota per la cospicua presenza di tronchi ad alto fusto: “So che i residenti qui attorno hanno fatto ricorso a un servizio di giardinieri privati per ottenere una potatura. Qui – conclude Alessandro – si vive, purtroppo, una situazione di degrado costante. È inammissibile che le strade restino in queste condizioni: la gente rischia di cadere e farsi male o di trovarsi roditori tra i piedi. L’amministrazione ha il dovere di intervenire, perché la sicurezza dei cittadini dovrebbe rappresentare una priorità”.

Damiano Mattana

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/villa-gordiani-via-della-venezia-giulia-in-preda-al-degrado-i-cittadini-lanciano-lallarme/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.