«

»

Stampa Articolo

Villa Gordiani. Per il trenino Termini-Giardinetti si mobilita anche Legambiente

treninoIncontro organizzato dal Circolo Città Futura a Villa Gordiani con la presenza dell’Assessore municipale alla Mobilità Assogna. Il presidente del circolo Trolese: “No a ragionamenti ragionieristici. Bisogna essere più coraggiosi”.
L’incerto futuro della linea Termini-Giardinetti ha preoccupato molti abitanti del V Municipio e di chi vive o lavora nei quartieri che si affacciano su via Casilina. A tal punto da convincere Legambiente a organizzare un incontro, il 26 febbraio, nella sua sede di viale della Venezia Giulia invitando associazioni, istituzioni e cittadini. Come se non fossero bastate, per chi vive nel quadrante Est di Roma, le notizie della soppressione della linea 105 e dello spostamento del 50 Express a piazza Lodi, annunciate dall’Assessore alla Mobilità del Comune di Roma Guido Improta. Durante l’incontro al Circolo Città Futura di Legambiente è intervenuto anche Giovanni Assogna, Assessore alla Mobilità del Municipio V. “Abbiamo interrogato ufficialmente l’Assessore Improta” debutta Assogna aggiungendo, per quanto riguarda le decisioni sul trasporto pubblico, che “bisogna avere una visione di futuro, chiedersi cosa lasciare come prospettiva”.

Secondo l’Assessore l’ideale sarebbe la realizzazione di una linea tranviaria vera e propria al posto dell’attuale trenino, con la realizzazione di un Corridoio della Mobilità. Cosa successivamente affermata dallo lo stesso Improta in un’intervista rilasciata all’Ansa, parlando di un’idea di ferrovia ammodernata che devii a Centocelle per arrivare a Tor Vergata; lasciando però il dubbio se oltre Centocelle possa essere realizzato il Corridoio della Mobilità oppure un allargamento di via Casilina.

Amedeo Trolese, presidente del Circolo Città Futura di LegambienteAmedeo Trolese, presidente del Circolo Città Futura, ci spiega: “Siamo contrari alla soppressione delle linee, anche qualora si sovrappongano. Tra l’altro non c’è stata la possibilità, per i cittadini e per le associazioni come Legambiente, di partecipare alla fase di discussione. Ho sinceramente dei dubbi sull’efficacia dell’Agenzia della Mobilità e di Atac,  aggiungo che tagliare linee come è stato fatto nei mesi scorsi è un danno alla città. Non si può avere come riferimento solo il bilancio altrimenti si fa prima a chiudere l’Atac…non si può ragionare in questo modo”. Sulla possibilità che la mancanza di investimenti per il trenino possa far pensare che lo si voglia far morire lentamente risponde: “Il sospetto c’è, vista la mancata risposta sul futuro del “tranvetto” nell’audizione in Commissione, che è chiusa ai cittadini mentre anni fa non era così”. In merito alla posizione dell’Assessore Assogna e del V Municipio commenta:Per il “tranvetto” siamo soddisfatti, per tutto il resto però sembra più un ragionamento ragionieristico. Sul 105 e il 50 Express va analizzato il bacino di utenza che coprono le linee, evitiamo di fare una stupidaggine.

E pensare che nemmeno Londra e Parigi sono in pareggio di bilancio, perché parliamo di un servizio pubblico. Bisogna fare una scelta: noi siamo per il trasporto pubblico mentre Improta sembra dia un colpo al cerchio e una alla botte. Bisogna essere più coraggiosi!”. Emanuele Rigitano

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/villa-gordiani-per-il-trenino-termini-giardinetti-si-mobilita-anche-legambiente/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.