«

»

Stampa Articolo

Torre Spaccata. La maggioranza del Municipio partecipa all’Assemblea del Comitato

romanellaIl 6 aprile scorso si è tenuta, presso il teatro di San Bonaventura, l’assemblea civica di Torre Spaccata, organizzata dal Comitato di Quartiere con la partecipazione di parte della maggioranza e dell’opposizione del Municipio.

Il Presidente del Comitato di Quartiere di Torre Spaccata, Bruno Di Venuta, è riuscito a ottenere la presenza addirittura del Presidente del Municipio Roberto Romanella e del Presidente del Consiglio Alberto Ilaria, sicuramente non per caso. Andiamo infatti con ordine: il 30 marzo, durante il consiglio municipale, il signor Di Venuta aveva portato all’attenzione dell’aula e del pubblico gli esposti e le denunce presentate al Municipio VI riguardo l’accampamento abusivo sorto sulla fossa della Togliatti e conosciuto come “la buca dell’Augustea”, ne ha ricordato gli incontri istituzionali e il sopralluogo del 2 novembre della Commissione Ambiente. Soprattutto ha ricordato che l’Assessore Ziantoni aveva dichiarato, a mezzo stampa, che “erano previste nelle prossime settimane azioni utili alla liberazione dei terreni e alla bonifica dei luoghi, tra questi l’insediamento adiacente il parco dei Romanisti”. Era il 22 febbraio, e ad oggi, il signor Di Venuta tira le somme: “Nell’ultimo semestre peggiorata la situazione con degrado e aumento di nomadi”. Erano comparsi striscioni tra Togliatti e Romanisti, “Romanella latitante”, o la richiesta di aiuto al sindaco Raggi per i fumi scaturiti dai campi. Ma nulla è stato fatto.

Rimasto senza risposta in quell’occasione, Bruno Di Venuta scrive allora una lettera aperta su Facebook, indirizzata al Presidente del Consiglio Alberto Ilaria. Perché proprio a lui? Semplice: è l’ex tesoriere del Comitato di Quartiere di Torre Spaccata. Infatti si può vedere la faccia di Ilaria nella foto pubblicata a chiusura della lettera.

“Caro Alberto – inizia la lettera – a seguito di quanto verificatosi nell’ultimo consiglio Municipale, vorrei esprimere e chiarire alcuni concetti. Avevo chiesto all’assessore Ziantoni, nel mio intervento, di dare una risposta alla mancata promessa riportata nell’intervista di oltre un mese fa. Allora era stato detto che nel giro di qualche settimana si sarebbe intervenuto sul degrado denunciato a Torre Spaccata. In consiglio municipale, però, è stato smentito tutto affermando che non ci sono i soldi per intervenire ed effettuare lo sgombero dell’insediamento abusivo della Fossa della Togliatti!”

Ed eccoci quindi all’assemblea, con la pattuglia pentastellata schierata con il Presidente del Municipio Romanella, il Presidente delConsiglio Ilaria, il Presidente della Commissione Lavori Pubblici Agnini e dell’Ambiente Tassi. Senza intervenire hanno partecipato gli assessori Nicastro (Lavori Pubblici) e Romanelli (Legalità), i consiglieri Foriglio e D’Ariano (M5S), Compagnone e Gasparutto (PD), Villino, Strippoli e Fonti (FdI).

Alle numerose domande e problematiche presentate dalla cittadinanza, tuttavia, sono poche le risposte dei 5 Stelle. “A dire la verità, vere risposte ai problemi elencati non c’è ne sono state”, si legge addirittura sul comunicato del CdQ. Il Presidente Ilaria, infatti, chiarisce subito: “La bacchetta magica non ce l’ha nessuno”, lasciando immediatamente la parola ai suoi colleghi. Il Presidente Romanella spiega il motivo che spinge il Municipio a non intervenire subito sul terreno privato sotto gli impianti dell’Augustea. Nella lettera del CdQ, si legge giustamente che “quindi le spese, eventualmente anticipate, andrebbero a carico dei proprietari del terreno”, che “l’Ufficio comunale Extradipartimentale Città sostenibile e Sicurezza Urbana – Piazza San Marco, 8 Roma, puo’ emettere una “ordinanza in danno”, ovvero diffidano il proprietario e se entro un certo numero di giorni non interviene, direttamente o indirettamente, il Comune esegue lo sgombero addebitando le spese al Proprietario stesso” e si richiede pertanto un intervento immediato che tarda ad arrivare nonostante le rassicurazioni. Romanella spiega, con sguardi d’intesa con l’assessore avvocato Romanelli, che procedere come indicato nella lettera, per quanto corretto, rischierebbe di far incappare il Municipio in un danno erariale. Il privato è già intervenuto 2 volte, se dovesse intervenire per una terza volta potrebbe infatti far ricorso al Tar se obbligato a intervenire e a rischiare sarebbe il Municipio stesso. Si è però impegnato a risolvere “entro breve termine la situazione di forte degrado ed incuria del parco di Viale dei Romanisti/Viale P. Togliatti, effettuando perlomeno le necessarie potature e riparando la rete che lo delimita”.

Sul sito del Comitato si legge infatti che alcuni amministratori hanno assunto, a volte, “posizioni di sufficienza se non addirittura di difesa davanti alle puntuali argomentazioni dei presenti generando molta delusione”.

A parte il consigliere Fonti, l’opposizione si è astenuta dall’intervenire, in un certo senso seduta lungo la riva del fiume ad aspettare che il cadavere del nemico le passi davanti, per dirla secondo un noto motto cinese. Eppure non è l’opposizione ad aver “vinto” la battaglia politica, bensì il Presidente del Consiglio Alberto Ilaria. Mandando avanti la truppa pentastellata, infatti, ha dimostrato al Comitato e ai cittadini, ovvero si presume a buona parte del suo elettorato, che più di così lui non può fare, mostrandosi in altre parole innocente davanti all’aumento del degrado di questi ultimi mesi denunciato da chi era presente quella sera, in qualche modo delegando le responsabilità più grandi ai suoi colleghi di partito.

Flavio Quintilli

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/torre-spaccata-la-maggioranza-del-municipio-partecipa-allassemblea-del-comitato/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.