«

»

Stampa Articolo

Torre Spaccata. Il centro antiviolenza nel mercato coperto non convince: “Quei locali spetterebbero ai cittadini”

mercato-torre-spaccataUn bando della Regione, apparso sulla pagina del Comune, assegnerebbe alcuni locali di via Cornelio Sisenna a un nuovo sportello ma il Cdq protesta: “Il Municipio non ne sapeva nulla”.

Un centro antiviolenza, con sportelli a disposizione dei cittadini (e, soprattutto, delle cittadine) per un servizio di una certa importanza e rilevanza sociale, da allestire in uno dei locali del mercato di Torre Spaccata, situato esattamente all’incrocio tra viale dei Romanisti e via Pietro Romano, più precisamente in via Cornelio Sisenna. Nulla di male, all’apparenza. Eppure qualcosa che non va c’è e, per l’esattezza, risiede nella dinamica che ha portato all’individuazione, tramite bando regionale, di uno spazio apposito all’interno del piccolo complesso commerciale, avvenuta di fatto travalicando le rimostranze delle associazioni locali che, da diverse primavere, richiedevano la fruizione di quegli ambienti da parte dei cittadini, essendo il quartiere privo di qualsivoglia centro di aggregazione che non sia gestito da un ente parrocchiale.

D’altronde, un medesimo centro esiste già nel quartiere, precisamente in via di Torre Spaccata, dove sorge un complesso di edifici tra i quali rientra, per l’appunto, lo sportello antiviolenza: “Il centro si trova nell’ex complesso Einaudi – ha spiegato Antonella Manotti, vicepresidente del Comitato di quartiere –, dove peraltro si trovano altri uffici e funziona molto bene. C’è necessità di farne un altro a così breve distanza?”.

La storia dei locali in questione, a questo punto fortemente orientati alla destinazione d’uso dello sportello, parte da lontano, a cominciare dalla realizzazione del mercato, quando vennero affidati a un’associazione senza tuttavia porre un adeguato bando di gara: “Per quegli spazi abbiamo combattuto. In precedenza erano stati assegnati a un’associazione ma senza nessun bando e per questo abbiamo fatto richiesta perché tornassero ai cittadini. Inizialmente sembrava che fosse così, perché furono sgomberati, ma del bando non si ha mai avuto notizia”. Ora, previo avviso del Comune di Roma, la Regione Lazio sembra aver finalmente stilato il sospirato bando, di circa 60mila euro, non destinato però ai cittadini: “Per questo non siamo d’accordo – ha spiegato ancora la vicepresidente –. Non siamo assolutamente contrari al valore e all’importanza delle attività del centro ma ci aspettavamo che quei locali, come era stato pensato all’indomani dello sgombero, tornassero ai cittadini”.

Sorgendo in pieno mercato, inoltre, lo sportello avrebbe non pochi problemi di privacy: “Il locale si trova proprio al centro dei banchi e, con i due diversi cancelli di accesso sempre aperti, non godrebbe della necessaria discrezione. E’ stata persino avanzata una richiesta al Comune, da parte di alcuni rappresentanti, per la chiusura del cancello posteriore ma non è possibile. C’è una certa inadeguatezza”.

Nei giorni scorsi, il Comitato di Quartiere aveva inoltrato a sua volta una lettera di dissenso alle autorità, specificando “come ciò che ha lasciato interdetto il nostro Comitato è che la parte politica che amministra il nostro municipio, non fosse a conoscenza del bando”. In sostanza, ha spiegato ancora Antonella Manotti, “il Municipio non sapeva nulla di un avviso di gara apparso sulla pagina del Comune. Praticamente l’amministrazione locale non era a conoscenza di quanto predisposto da quella centrale. Sicuramente una mancanza di sinergia preoccupante”. A proposito della suddetta protesta, a distanza di diversi giorni la situazione non è pressoché cambiata e un riscontro amministrativo continua a latitare: “Non abbiamo ricevuto nessuna risposta finora ma, sicuramente, presto torneremo alla carica”.

Damiano Mattana

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/torre-spaccata-il-centro-antiviolenza-nel-mercato-coperto-non-convince-quei-locali-spetterebbero-ai-cittadini/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.