«

»

Stampa Articolo

Tor Tre Teste. Parco Palatucci: “Salviamo la Vallata”

image3Stanno proseguendo i lavori, iniziati già da qualche mese,  collegati inizialmente alla candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2024 a favore della promozione dello sport in periferia.

Il 20 luglio al Parco Palatucci era stato presentato il progetto del CONI per la realizzazione di un impianto sportivo di 3000 metri quadrati. I lavori iniziarono dopo pochissimi giorni.

Nel parco è presente oltre all’impianto sportivo, un’area ludica con giochi per bambini, un campo da rugby e una pista di atletica. Ora si sta pensando di realizzare un nuovo impianto in un vallone utilizzato da tutti come area di riposo e svago.

“Esiste già una struttura similare – commentano i frequentatori – forse sarebbe stato più opportuno evitare dei nuovi lavori agendo tramite la ristrutturazione della struttura esistente per non distruggere altro verde”.

IMG_20161122_100658Nessuno era a conoscenza di questo progetto fino alla data di presentazione, né abitanti, né comitati di quartiere, né associazioni né tantomeno l’ex Assessore all’Ambiente del V Municipio Giulia Pietroletti che commentava: “Come assessore municipale non sono stata coinvolta nella determinazione del sito dell’impianto del CONI. Avrei certamente indicato altri contesti dove un investimento del genere sarebbe stato più funzionale, come ad esempio il Parco Bonafede anche considerati i percorsi intrapresi con la cittadinanza e i bisogni manifestati. Se ho ben capito lo piazzeranno nella zona dove ci sono gli orti sociali”.

I cittadini si sono attivati molto, con sopralluoghi, raccolta firme e proteste al Comune che hanno portato l’interruzione momentanea dei lavori della Soprintendenza in data 22 novembre  dei lavori. Nello stesso mese infatti è stata indetta una riunione del Coordinamento popolare per la difesa di questa area verde, a cui hanno partecipato anche l’ex consigliere municipale David Di Cosmo e il Wwf Pigneto-Prenestino.

“Il parco è un bene comune che va rispettato e  salvato – commentano i cittadini – non possono essere buttati anche qui chili di cemento, visto che lo stesso è già stato  rovinato con la creazione di via Prenestina Bis nel tratto di via delle Nespole”.

Tutti i cittadini contestano il progetto e credono sia un ‘delitto’ realizzare un centro sportivo di 3000 mq in quell’area. La proposta alternativa è quella di spostare l’impianto  nell’area di tombamento del sottopasso della Tenuta della Mistica, essendo già vicina ad altre strutture sportive. La proposta è uscita dal secondo incontro del Coordinamento per la difesa del Parco Palatucci dopo un dibattito che ha visto partecipare da una parte il consigliere municipale Stefano Veglianti, e dall’altra i consiglieri Piattoni, Belluzzi, Vece, Guadagno e Puliti.

Le realtà sociali hanno inviato una lettera in questo senso in data 20 novembre al Sindaco di Roma, all’Assessore all’Urbanistica, all’Assessore all’Ambiente, al Presidente del V Municipio di Roma e al CONI il 20 Novembre 2016.

La partecipazione attiva a difesa del Parco è stata stupefacente, tanto da essere nato anche un gruppo Facebook, nel quale vengono costantemente aggiornate le notizie e c’è un acceso dibattito tra gli iscritti. I cittadini si sono mobilitati inoltre per avvertire subito la Soprintendenza dopo l’inizio dei lavori, ed è proprio grazie a l’aro se i lavori sono stati sospesi anche se per un tempo brevissimo.

Le manifestazioni e le proteste continuano costantemente, ognuno di noi può dare un contributo firmando la petizione “ Salviamo la vallata del Parco Alessandrino/Tor Tre Teste”. Marta Reitano 

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/tor-tre-teste-parco-palatucci-salviamo-la-vallata/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.