«

»

Stampa Articolo

Tor Sapienza. Via Morandi, via Cremona pronte ad esplodere

viale-giorgio-morandiIl CdQ che dialoga da quasi un anno con le istituzioni, dopo i disordini del 13 novembre, si sente preso in giro e non vuole più trovarsi tra incudine e martello.

Dopo gli eventi dell’autunno scorso sembra ormai sceso il silenzio sul quartiere di Tor Sapienza. Il trasferimento a marzo di una ventina di immigrati dal centro di accoglienza ad una struttura in zona Aurelia non ha minimante risolto i problemi che affliggono gli abitanti. “Si stanno organizzando – dice Nuccia D’Alessandro vicepresidente del CdQ Morandi-Cremona – Qui scoppierà una rivolta e stavolta noi ci faremo da parte, non faremo più da paciere”.

Tor Sapienza è un quartiere che si divide in due aree distinte. La Tor Sapienza vecchia in cui ci sono abitazioni private e la Tor Sapienza dei palazzoni, la cui vita ruota intorno a viale Giorgio Morandi, via Tranquillo Cremona e alle case popolari di proprietà del Comune di Roma e di ATER. E’ qui che si sono verificati gli scontri nella notte del 13 novembre 2014. Gli immigrati però non erano che la punta dell’iceberg di un disagio molto più profondo e che va dallo stato pietoso in cui si trovano gli edifici popolari, all’occupazione di molti locali ed ex negozi da parte di zingari e persone dell’est europeo, alle strade disseminate da buche e scarsamente illuminate, alla prostituzione diffusa in molte vie limitrofe e completamente fuori controllo.

Elvio Macario, membro Comitato Morandi Cremona“Dopo i fatti di novembre qui sono venuti molti rappresentati delle istituzioni, Marino ha preso impegni precisi con noi, ma da gennaio in poi tutte le nostre richieste sono state disattese” spiega Elvio Macario, altro membro del CdQ.

“Su via Tranquillo Cremona l’AMA non passa da anni. Marino aveva promesso sarebbe passata almeno una volta a settimana. Voi l’avete vista? Gli alberi sono stati potati (in parte) solo perchè doveva venire il Sindaco; ci sono tutt’ora rami che entrano nelle abitazioni”.

Tra le richieste, contenute in un accordo sottoscritto, ci sono opere di riqualificazione come la creazione nel parco vicino di alcuni orti urbani. “La gente era entusiasta dell’idea, il Comune ci ha illuso fino all’ultimo salvo dire alla fine che mancavano i fondi”. A Tor Sapienza come in tutto il Municipio V partirà entro la fine dell’anno la raccolta differenziata in 5 frazioni ma il signor Macario non è affatto convinto che qui funzionerà. Come potrebbe con gli occupanti abusivi e gli zingari che quotidianamente gettano in strada qualsiasi tipo di rifiuto ingombrante e non?

C’è poi il problema sfratti. “Marino aveva preso a cuore la situazione di una famiglia che ha a carico una figlia disabile e aspetta da 15 anni l’assegnazione della casa ma sembra aver dimenticato la parola data”. “Come comitato di quartiere abbiamo scelto il dialogo cercando di calmare gli animi dei nostri concittadini. E’ stato una sbaglio – conclude mestamente la signora D’Alessandro – Siamo stati solo presi in giro dalle Istituzioni. Ora non ci metteremo più in mezzo quando succederà qualcosa. E fidatevi che qualcosa succederà”. Silvia Santucci

 

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/tor-sapienza-via-morandi-via-cremona-pronte-ad-esplodere/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.