«

»

Stampa Articolo

Tor Sapienza. Gli immigrati lasciano definitivamente il centro di accoglienza

Centro di accoglienza viale MorandiI fatti dell’11 marzo hanno costretto l’Assessore Francesca Danese a sollecitare il graduale trasferimento degli ultimi rifugiati assistiti dalla cooperativa “Un Sorriso”.

Nella giornata di martedì 31 marzo si è svolto l’annunciato sgombero del centro di accoglienza di viale Giorgio Morandi, protagonista indiscusso negli ultimi mesi delle conseguenze del forte  malcontento cittadino. Dopo l’ultima sommossa esplosa l’11marzo, l’Assessore della Giunta Marino, Francesca Danese, non ha potuto fare altro che procedere al graduale trasferimento delle ultime anime ospitate nella struttura e quindi a sollecitare gli operatori della cooperativa “Un Sorriso” alla chiusura del progetto e alla restituzione delle chiavi all’istituto bancario proprietario dell’immobile.

“I ragazzi saranno spostati in un complesso ormai in via di allestimento – annuncia Gebriella Errico, presidente della cooperativa – in un quartiere più centrale e in tutt’altro quadrante della città, studiato a tavolino con l’Assessore Danese che nei prossimi giorni comunicherà i vari dettagli. Per noi è sicuramente una sconfitta, perché subiamo semplicemente la conseguenza di essere stati per lungo tempo un capro espiatorio pur non avendo alcuna colpa: ci siamo sempre e solo preoccupati di compiere il nostro lavoro nel migliore dei modi da quando il centro ci fu assegnato grazie ai bandi di concorso, ma i fatti di Mafia Capitale hanno cambiato tutto per sempre”.

Sono stati circa 40 gli individui, tra rifugiati (per lo più di origine africana) e operatori, a lasciare per ultimi il centro di accoglienza, dove rimangono da smantellare ormai soltanto gli uffici: la volontà comune è quella di continuare a portare avanti le attività di assistenza sinora condotte, nella prospettiva di un nuovo inizio e nella tranquillità più assoluta. Perché a conti fatti questo è un epilogo che non sembra favorire in alcun modo i cittadini della sezione ovest di Tor Sapienza.

Non si sa ancora infatti che fine farà la struttura di viale Morandi, anche se sul suo riutilizzo più probabile spingerà sicuramente l’emergenza abitativa che nelle ultime settimane ha investito i residenti della zona in seguito agli sfratti da parte dell’Ater. Una questione estremamente importante e delicata, quindi, sulla quale il Comune di Roma sarà presto chiamato ad esprimersi e nella maniera migliore possibile, se vuole svelenire almeno in parte l’aria tesa che da tempo si respira nel quartiere e scongiurare così la possibilità di nuovi disordini.

“Questa non è certo una soluzione – dichiara Sandra Zammataro del CdQ Morandi-Cremona, presente anche lei alla consegna delle chiavi dell’immobile – perché quella che è stata portata avanti finora è solamente una guerra dei poveri contro altri poveri: la situazione rimane incerta in virtù di problemi ben più gravi che durano ormai da svariati anni e appartengono solamente ai residenti”. E ora che gli immigrati non ci sono più, dove si sposterà la lente del malcontento cittadino prima che i veri colpevoli degli innumerevoli disagi paghino il prezzo delle loro nefandezze? Jacopo Ventura

 

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/tor-sapienza-gli-immigrati-lasciano-definitivamente-il-centro-di-accoglienza/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.