«

»

Stampa Articolo

Tor Pignattara. Cittadini vs AMA: a via della Marranella “botto e risposta”

vigile fuoco

Proprio mentre sul web i cittadini protestano per il degrado intorno ai cassonetti nella nota via a ridosso della Casilina, esplode un camion dell’AMA incendiando l’area interessata.

Alle 14.45 del 13 dicembre, in via della Marranella, all’altezza del civico 7, esplode un camion dell’AMA provocando l’incendio di alcune vetture e degli stessi cassonetti con relativa chiusura della strada. “Pensavamo fosse venuto giù un palazzo” commentano gli abitanti, spaventati da un boato che ha fatto tremare le case. Per fortuna il conducente del veicolo è riuscito a mettersi in salvo e nessun altro è stato coinvolto nell’esplosione.

Due squadre dei vigili del fuoco riescono a spegnere le fiamme dopo alcune ore di lavoro, il bilancio è di quattro vetture danneggiate di cui due completamente carbonizzate e alcuni cassonetti distrutti.

Monna piu portone marrIl fatto avviene nei giorni in cui molti abitanti della via stavano protestando per la formazione di vere e proprie discariche intorno ai cassonetti, che come non bastasse diventano spesso dormitori per i senzatetto. L’accaduto pare essere uno strano scherzo di un destino sardonico che solo nel contesto cinicamente sornione della Roma pasoliniana,  di  cui Tor Pignattara è emblema, riesce ad acquisire un significato speciale.

Come era esplosa la rabbia dei cittadini dopo aver sopportato degrado e disservizi di fronte i loro portoni, così pare essere esplosa la capacità gestionale di AMA racchiusa in quel veicolo scoppiato di disperazione nel vedere quanto lavoro c’era ancora da fare per raggiungere una situazione di civiltà, schiacciato dall’evidenza della sua inutilità, del fallimento.

L’est romano è martoriato dall’inefficienza di AMA che pare essere un male endemico della partecipata, verticale, che non riesce a garantire nessuno dei servizi che propone: mentre Tor Pignattara chiede la rimozione dei cassonetti, a Torre Angela si raccolgono firme per il ritorno a quel sistema, sancendo il fallimento della raccolta porta a porta. In qualsiasi direzione AMA vada pare non riuscire mai a trovare il modo di fare il lavoro che gli è richiesto in maniera efficace e onesta.

MONN Marra 2

Ci arrivano foto e video di borgate in cui si effettua la raccolta porta a porta e di altre in cui non è ancora arrivata, gli scenari sono assolutamente identici: cumuli di spazzatura, ratti, rifiuti ingombranti, rovistaggio, grave carenza di igiene. L’est romano è il quadrante della città più in crescita a livello culturale. Le strade di Tor Pignattara, i vicoletti della Certosa, i viali di Centocelle, il Pigneto sono da considerarsi come riserve naturali, luoghi in cui si sta formando il senso civico e il futuro vivere di una città. Chiunque danneggi questi preziosi spazi deve pagare, come i cittadini di Roma pagano salatamente l’onere e l’onore di abitare una capitale cosi importante.

Se AMA non riesce a garantire un servizio dovrebbe restituire i soldi della TARI. Se Roma è sporca il Comune deve rivedere gli accordi che sottoscrive e il modo in cui li garantisce.

Marco Severa

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/tor-pignattara-cittadini-vs-ama-a-via-della-marranella-botto-e-risposta/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.