«

»

Stampa Articolo

Tor Pignattara Calcio, in attesa di un campo

TorPignattara CalcioIl Presidente: “Sono nel quartiere da mezzo secolo e la squadra ha una grande tradizione e un grande seguito, il Municipio ci aiuti”.

Un quartiere, la sua squadra di calcio e il campo dove gioca, è un assioma su cui si basa, che ci piaccia o no, gran parte della vita sociale del nostro paese. A Tor Pignattara questo connubio è stato negato e la squadra di quartiere gioca, pagando, in un campo che non è il suo: quello del Certosa. Leonardo Saladino, dirigente benemerito premiato dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio, da Giugno ha rilevato il Tor Pignatara fissandone la sede nella sua bottega di restauratore: “Sono 40 anni che faccio calcio in maniera pulita, investendo di tasca mia e mi trovo a dover competere con situazioni del tutto anomale. I bandi che Roma Capitale ha indetto per la concessione degli impianti non regolamentano la gestione degli stessi, o almeno non si svolgono controlli a riguardo. Ci sono assegnatari che si arrogano il diritto di decidere chi può o meno accedere all’impianto secondo un gioco al rialzo di canoni annuali che vengono pagati dalle polisportive in nero e in regime di subaffitto. Ci sono società con sede sulla Cassia piuttosto che all’Eur che giocano nei campi del nostro quartiere tagliandoci fuori dal poterli utilizzare, nonostante il carattere territoriale delle assegnazioni del comune; presidenti che, forti di queste entrate oltre che delle quote di iscrizioni alla scuola calcio in molti casi altissime, pagano i giocatori di prima squadra in barba alle leggi federali che lo vietano tassativamente, di fatto uccidendo la libera e corretta competizione tra società”.

Pres SaldadinoIl presidente Saladino e la sua squadra chiedono un campo dove giocare, assicurando il puntuale pagamento del canone di concessione e con un occhio alla recente riappropriazione, da parte del comune, di 11 impianti facenti parte del progetto “Punti Verdi Qualità”, che dal 1995 a oggi ha sviluppato debiti per 121 milioni attualmente a carico dei romani, causa i canoni di concessione non pagati da molti degli assegnatari: “Nel vicino impianto del Tiburtino Sud è ancora in attività la Vigor Perconti, per molti anni morosa verso il comune e questo perché c’è stata la pubblica intercessione di un personaggio politico di rilievo a fronte della vittoria di una campionato Juniores Nazionale”. Il personaggio politico è Ignazio Cozzoli, consigliere capitolino di Forza Italia, il quale, al possibile sfratto della Vigor Perconti dagli impianti che occupa, aveva risposto: “Sindaco e giunta non gettino via il bambino con l’acqua sporca. Bisogna salvaguardare la continuità di questo patrimonio fatto di ragazzi, lavoratori e famiglie romane”.Ci auguriamo che questi slanci di impegno sociale vengano estesi con priorità assoluta alle società che hanno sempre seguito un percorso di morigeratezza finanziaria, sociale e sportiva, come quella del Tor Pignattara Calcio, che non è mai gravata sulle tasche dei cittadini.  Marco Severa

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/tor-pignattara-calcio-in-attesa-di-un-campo/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.