«

»

Stampa Articolo

Tor Bella Monaca. Papa Francesco a casa degli “ultimi”

papa Prima la visita al centro Caritas S. Giovanna Antida, poi la messa a S. Maria Madre del Redentore.

“Chi non vive in condizioni disagiate non cade nella rete dei cattivi, dei mafiosi che sfruttano la gente povera per farle fare il lavoro sporco. Poi se la polizia li trova, trova la povera gente e non i mafiosi”. E’ il messaggio di Papa Francesco ai cittadini di Tor Bella Monaca accorsi per salutare il Santo Padre in visita al quartiere nel pomeriggio dell’8 marzo su invito dell’associazione ‘Handicap Noi e gli Altri’, storica realtà del territorio che si batte per tutelare i diritti dei disabili. Un messaggio, quello di Papa Francesco, che suona come una condanna severa, soprattutto in seguito ai fatti di Mafia Capitale. Il Santo Padre incontra quelli che i più considerano ‘gli ultimi’. Quei cittadini residente nei quartieri più emarginati della città di Roma. Quelli in cui il tasso di povertà tanto alto ha favorito il dilagarsi di fenomeni criminosi. E ancora una volta, Papa Francesco, si metta al loro fianco, dalla loro parte: la sua non è una giustificazione, ma un modello di società che punta a ristabilire gli equilibri tra i ‘meno e i più’.   Un fiume di persone ha seguito il Santo Padre durante la visita a Tor Bella Monaca.

Una giornata iniziata poco dopo le 15.30, quando il Pontefice ha fatto visita al centro Caritas di Santa Giovanna Antida in via dell’Archeologia, dove le suore missionarie accolgono portatori di handicap e danno assistenza alle famiglie in difficoltà. Imponenti le misure di sicurezza predisposte per la visita pastorale. Dal centro Caritas, a bordo della consueta ‘utilitaria’ color blu notte scortato dalla Polizia e dalla Gendarmeria vaticana, Papa Francesco è stato accompagnato presso la parrocchia di Santa Maria Madre del Redentore in viale Duilio Cambellotti, accolto da migliaia di persone. Coloro che non erano in possesso del biglietto per assistere alla Santa Messa, si sono dovuti accontentare del maxi schermo montato a pochi passi dalla chiesa. Tutto secondo la tabella di marcia con il Pontefice che, prima di dare inizio alla funzione religiosa, ha incontrato i bambini nel cortile interno della parrocchia. Nel corso del consiglio pastorale, Papa Francesco ha rivolto dei pensieri alle persone di Tor Bella Monaca sottolineando che “la bontà della gente che, messa a dura prova dalla disoccupazione, è costretta a fare cose brutte perché la società non offre un’altra via”. ‘Francesco’, come lo chiama in modo semplice e immediato la folla, la povertà nel suo Paese d’origine l’ha toccata con mano. Si rivolge a quelle persone che hanno “lo stesso difetto di Gesù, Giuseppe e Maria: vivere in povertà”.

Simone Sperduto

 

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/tor-bella-monaca-papa-francesco-a-casa-degli-ultimi/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.