«

»

Stampa Articolo

Tor Bella Monaca. L’I.C. Melissa Bassi tra luci e ombre

listituto-comprensivo-melissa-bassiLe contraddizioni di un quartiere riassunte tra le mura dell’Istituto Comprensivo Melissa Bassi. Dove i bambini creano capolavori di ceramica, recitano Pirandello e allo stesso tempo vivono tra vetri rotti, infiltrazioni d’acqua e senza porte dei bagni. Il Presidente Agnini (M5S) assicura interventi.

Il 27 marzo è stata convocata la Commissione Lavori Pubblici del Municipio VI per verificare le condizioni strutturali dell’Istituto Comprensivo Melissa Bassi di via dell’Archeologia a Tor Bella Monaca. Il dirigente scolastico, il professor Farda, aveva già inviato 21 segnalazioni da inizio anno, comprendendo un elenco piuttosto esteso di problemi, “come ce ne sono in tutte le scuole di Roma”, tiene a precisare.

In tarda mattinata il Dirigente ha accolto la Commissione, presieduta da Giuseppe Agnini, e ha accompagnato il gruppo  per i corridoi dell’istituto insieme a Davide Zappaterra, presidente del consiglio d’Istituto dei genitori. Varcato l’ingresso ecco la sorpresa: un “filo” di ceramica, realizzato dagli alunni, disposto intorno ai muri dei corridoi a formare un disegno. Un girotondo di bambini che si tengono per mano, tra un albero e una casa, una scuola e un altro edificio. Un bel disegno che rappresenta tutta la caparbietà di un corpo docenti e di un dirigente che non hanno voglia di arrendersi al degrado che li circonda.

la-commissione-llpp-inizia-il-sopralluogoIl professor Farda infatti è stato laconico: “Se chiude la scuola e chiude la parrocchia, il territorio è finito”. Così, passando tra una riproduzione in ceramica e un lavoro in legno – come un teatrino di marionette realizzato a partire da un vecchio armadio – il dirigente dell’istituto fa toccare con mano tutti i problemi strutturali: tapparelle che non funzionano, porte dei bagni assenti, rubinetti che perdono, infiltrazioni. Parte dei lavori sarà a carico della scuola, che però non sarà in grado di arrivare ovunque. È qui che il professor Farda ha chiamato in aiuto il Municipio, arrivato con la Commissione grazie alle pressanti richieste di intervento della consigliera di Fratelli d’Italia, Pamela Strippoli.

le-vetrate-rotte20180327_124426Le carenze strutturali si fanno evidenti in alcune aree, per motivi di sicurezza interdette. Il pericolo maggiore per gli alunni è, ad oggi, rappresentato dalle crepe nelle vetrate della palestra: incrinate in più punti potrebbe essere sufficiente un soffio di vento un po’ più forte per portarle giù. Su questo tema si è mostrato sensibile il Presidente della Commissione Lavori Pubblici, Giuseppe Agnini, che ha garantito come prioritaria la sostituzione dei vetri. “La situazione è complessa – spiega in un secondo momento – sicuramente la struttura necessita di una importante manutenzione, che non credo sia stata fatta negli scorsi anni. Ora dobbiamo recuperare i fondi per intervenire. L’obiettivo a breve termine è che l’ufficio tecnico valuti e quantifichi le risorse necessarie per interventi ordinari e straordinari”.

la-decorazione-degli-internila-rosa-dei-venti-in-ceramicaMolto critico nei confronti dell’operato della Commissione invece è Fabrizio Compagnone, consigliere del Partito Democratico: “Prima facevano i sopralluoghi per pubblicare post su Facebook. Ora i Cinque Stelle sono qui come consiglieri eletti e la situazione è la medesima di due anni fa, se non addirittura peggiore. Non si respira aria di programmazione di interventi, non si respira quell’aria di cambiamento che paventavano in campagna elettorale. Ciò che è successo per le strade sta succedendo per le scuole”. Agnini invece sembra determinato, e pur non lanciandosi in promesse rivela che sul tavolo dei lavori sono già stati fatti gli ordinativi per interventi ordinari all’Istituto Melissa Bassi.

Il paradosso di questa scuola è lì tra quei corridoi. La maestra Gilda spiega infatti di un laboratorio di teatro in cui i bambini, di 9 e 10 anni, hanno imparato a memoria e recitato opere di Pirandello, o messo in scena un processo, con tanto di giudici e avvocati veri, per il reato di bullismo. E la maestra Caterina Tripodi, referente del laboratorio di ceramica, ha mostrato con orgoglio le opere dei bambini e dei ragazzi.

Ora sta al Municipio fare la sua parte. Flavio Quintilli

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/tor-bella-monaca-li-c-melissa-bassi-tra-luci-e-ombre/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.