«

»

Stampa Articolo

Tor Bella Monaca. Il Sidi a rischio sgombero

20160412_185902Anche il Sindacato Invalidi rischia di chiudere i battenti, su decisione del commissario Prefettizio Tronca. Decisione assurda, che rischia di togliere al quartiere un importante servizio.

Nelle maglie degli sgomberi degli spazi sociali, messi in atto dal commissario prefettizio Tronca, è finito anche il SIDI (Sindacato Italiano Diritti Invalidi) di Largo Ferruccio Mengaroni, a Tor Bella Monaca. La onlus, presieduta da Pietropaolo Giuliano, che “da molti anni – spiega in una nota – si occupa di assistenza di tipo burocratico, lavorativo e socioassistenziale verso le persone diversamente abili e famiglie che vivono in una situazione di indigenza. A titolo gratuito”. La proceduta esecutiva dovrebbe aver luogo il prossimo 30 aprile: “dovranno chiamare l’ambulanza”, soggiunge il presidente.

Il SIDI è un pezzo di storia, una realtà consolidata, il punto di riferimento di molti abitanti del quartiere, flagellato da un tessuto sociale critico. “Non si tiene conto del fatto – attacca Marianna Rapino, una delle consigliere dell’associazione – che questo tipo di volontariato va a compensare le lacune delle Istituzioni, noi arriviamo laddove le Amministrazioni latitano”. Sulla stessa lunghezza d’onda Paola Mercanti, anch’essa consigliera del SIDi, intervenuta nella puntata del 22 aprile della nota trasmissione ‘Buongiorno Regione’.

Rapino, Giuliano, mercanti (2)“Noi vogliamo lo stop degli sgomberi –dichiara – fino all’insediamento della prossima Giunta Comunale, con la quale vogliamo aprire un tavolo per le trattative. Il terzo settore non può essere valutato da un tecnico [Tronca ndr], bisogna che lo faccia il Primo Cittadino, assumendosi le proprie responsabilità davanti a quanti collaborano attivamente. Il Terzo settore – conclude – non può essere, per sua natura, zittito con la frase, ‘Stiamo solo applicando la legge’”.

Il Sindacato ha alle spalle un’esperienza di oltre vent’anni, “da sempre svolgiamo tale attività – spiega il presidente Giuliano – molti cittadini del quartiere si rivolgono alla nostra associazione e il nostro operato influenza inevitabilmente, e in maniera positiva, le dinamiche del territorio. Chiediamo che venga rispettata l’Ordinanza del Sindaco inviataci nel 1997 [n. 279 del 30.07.1997 ndr] dal Dipartimento Patrimonio, in cui si attesta l’assegnazione dei locali di proprietà comunali di Largo Mengaroni”.

La battaglia burocratica è appena cominciata, sulle prime, infatti, non si capisce come il Dipartimento possa pretendere il pagamento della somma complessiva di 58mila euro, a titolo di locazione, se nella famosa Ordinanza non è stata mai determinata la misura della indennità che il Sidi avrebbe dovuto corrispondere. Una svista delle Amministrazioni? Pare proprio di sì, e allora Tronca e il Dipartimento devono mettersi l’anima in pace, non possono di certo avanzare pretese, e far ricadere sull’associazione le mancanze di quella stessa Amministrazione che oggi rappresentano. Mancherebbero i presupposti giuridici.

Il 30 aprile sarà il giorno della verità, sarà interessante vedere se davvero il commissario Prefettizio avrà il coraggio di sbattere fuori un’associazione che fornisce alla cittadinanza, da sempre bistrattata, un servizio concreto. Noi ci saremo.

   David Nicodemi

 

 

 

 

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/tor-bella-monaca-il-sidi-a-rischio-sgombero/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.