«

»

Stampa Articolo

Tor Bella Monaca. Ex fienile: stavolta il bando è realtà

L'ex FienileIl Campidoglio mette a bando 20 immobili di sua proprietà per le imprese giovanili e la cultura, tra questi anche lo storico centro artistico e culturale di Largo Mengaroni, abbandonato dall’Amministrazione da 7 anni. Proposte agevolazioni sul canone per chi propone progetti di riqualificazione. Chiamate a partecipare le associazioni, la Cattoi è sicura: “Massima trasparenza”. Ma quando verrà sfrattato l’occupante abusivo?

Il 14 aprile sul sito di Roma Capitale la notizia che gli abitanti di Tor Bella Monaca attendevano da anni: è stato pubblicato il bando di gara per l’assegnazione dell’ex fienile di Largo Mengaroni, struttura ripensata nel 2002 per ospitare concerti e rappresentazioni d’arte e spettacolo. È l’attuazione della delibera di Giunta n.219 del luglio 2014, che definisce “bene comune” il patrimonio pubblico. 20 immobili della periferia capitolina verranno assegnati a chi proporrà il progetto più attuabile e innovativo, seguendo il diktat imposto dal Dipartimento: “Rivitalizzare il tessuto economico e culturale della città”. Ha annunciato una soddisfatta Cattoi, Assessore al Patrimonio: “Confermiamo la volontà di assegnare spazi con la massima trasparenza, attraverso percorsi chiari e precisi criteri di valutazione. Una prassi che consente di valorizzare le esperienze migliori e la qualità dei progetti, favorire la diffusione culturale e dare impulso all’economia cittadina”

Cosa prevede il bando. Pubblicato sul sito del Comune propone agevolazioni e un contratto di lavoro prolungato, facendo della continuità delle attività il punto nevralgico del progetto. I vincitori avranno in concessione lo spazio per 6 anni, rinnovabili per ulteriori 6. Prevista un’importante agevolazione: il canone d’affitto potrà essere abbattuto fino all’80% rispetto al valore di mercato,“in funzione del rilievo delle attività proposte, anche valutando eventuali lavori di riqualificazione”.Chi può partecipare? Sono chiamati a concorrere “enti morali, associazioni, fondazioni, organizzazioni di volontariato, onlus” o altri enti senza scopo di lucro, sia già costituiti che da costituire, che svolgano prevalentemente attività nei settori della produzione e diffusione culturale, artistica e del tempo libero, dell’educazione,della formazione e valorizzazione del territorio. Il progetto dovrà illustrare il piano triennale delle attività, il target dei destinatari, le modalità di utilizzo e di apertura degli spazi, le iniziative rivolte al coinvolgimento del territorio e le modalità di comunicazione e pubblicizzazione delle iniziative proposte. C’è tempo fino al 12 giugno (ore 12) per presentare il proprio disegno al Dipartimento Patrimonio, Sviluppo e Valorizzazione, sito in Piazza Giovanni da Verrazzano 7. Dovranno essere indicati i finanziamenti propri o quelli provenienti da altri soggetti o sponsor per la realizzazione del progetto e la ristrutturazione dell’edificio.

La questione occupante. Proprio la questione riqualificazione e ristrutturazione appare tra le più “spinose”. Da quando – nel 2008 – la precedente incaricata dal Comune (Datacoop) ha visto terminare il suo mandato, la struttura è rimasta in balìa del tempo e dell’ex custode, Campisi, che ha deciso di restarci per vivere nonostante sia dichiarato abusivo. L’uomo ha anche deciso di osteggiare le attività organizzate negli anni dai musicisti dell’ex fienile e dagli  artisti, giovani operai e studenti di Tor Bella Monaca. Da tempo i rapporti dell’occupante con la comunità di zona (compreso El Che’ntro sociale vicino) si sono deteriorati, visti gli ingenti danni ravvisati all’interno dell’edificio: vetri rotti, sala registrazione distrutta, computer e attrezzature musicali rubate, scritte sui muri. Il portavoce del centro sociale, Mario Cecchetti, ha dichiarato: “Da dicembre scorso abbiamo chiesto al Dipartimento due interventi: prima di tutto un immediato bando di gara per non perdere una risorsa come l’ex fienile, dal 2000 finanziata dalla Comunità Europea per ospitare rappresentazioni culturali, artistiche e musicali; inoltre lo sfratto dell’occupante, che sta rovinando un bene pubblico, di tutti”. Anche il Municipio VI, con il lavoro di segnalazione della Giunta e dei consiglieri, ha ribadito l’assoluto stato di emergenza, richiedendo celerità dal Comune. E così nei giorni scorsi i Vigili avrebbero consegnato a Campisi l’avviso che lo dichiara abusivo e consente lo sfratto forzoso dalla struttura. Il 13 maggio alle ore 15 e 17 i funzionari dipartimentali effettueranno, con i concorrenti interessati, un sopralluogo per visionare le condizioni del plesso. Entro quella data l’ex fienile sarà finalmente libero, per essere destinato, speriamo, ai giovani del territorio che attendono un luogo di aggregazione dove fare arte e comunità. Manuel Manchi

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/tor-bella-monaca-ex-fienile-stavolta-il-bando-e-realta/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.