«

»

Stampa Articolo

Tor Bella Monaca. Al posto del verde un centro polifunzionale

centro polifunzionale (2)Dal Dipartimento Patrimonio di Roma Capitale arriva il verbale di consegna dell’area tra via Aspertini e via Balbiani alla società Primus 2000 che ne definisce la destinazione urbanistica.

È stata recintata l’area verde compresa tra via Amico Aspertini e via Natale Balbiani, a Tor Bella Monaca, adiacente alla sede del Municipio, della Asl e del centro commerciale. Le chiacchiere stanno a zero, parlano gli incartamenti, quelli ufficiali, secondo i quali verrà realizzato “un intervento di edilizia non residenziale pari a 960 metri cubi”. Un complesso polifunzionale, in altre parole, a servizi privati, comprensivo di parcheggi. E l’indignazione non si placa.

Per meglio capire l’effettiva situazione, che tanto scalpore sta suscitando, occorre tornare indietro di un anno e sfogliare il documento del Dipartimento Programmazione e attuazione Urbanistica di Roma Capitale del 17 giugno 2015 (protocollo 120096). Il verbale di consegna del superficie alla società Primus 2000 srl, già società IAB, con sede legale in via Ostiense, 121. Una sola paginetta, tanto è: “Premesso che da convenzione integrativa stipulata con atto a rogito notaio Ungari Trasatti – si legge – del 16 settembre 1994, risulta assegnato alla Soc. IAB (ora Primus 2000 srl), il diritto di superficie sul comparto M9C4 del PdZ 22 Tor Bella Monaca”. E cioè, l’area verde di via Aspertini/Balbiani. “Per la realizzazione di un intervento di edilizia non residenziale pari a mc [metri cubi ndr] 960”.

Nel verbale si evidenzia, ancora, che “l’area è stata acquisita al comparto comunale”, che “l’Ufficio Amministrativo della UO Edilizia Sociale ha rilasciato il NO [Nulla Osta ndr] di competenza per la consegna dell’area” e che, infine, si “procede alla consegna, alla società Primus 2000 srl, dell’area per la realizzazione del proprio intervento edificatorio”. Il quadro è chiaro, il verde, sempre di meno da queste parti, lascerà spazio a un cubo di cemento di tre piani, che ospiterà un’autorimessa, lato via Balbiani, e, al secondo piano, ma lato via Aspertini, un’attrattiva commerciale. Molto probabilmente sarà aperto, un supermercato della nota catena Lidl, la stessa finita nel mirino delle proteste dei comitati e associazioni al Pigneto.

E anche qui le proteste non mancano, “si crea un disagio ambientale”, tuona Massimo Filipponi, cui fa seguito la presidente del centro Marie Anne Erize, Stefania Catallo: “Il parco doveva essere intitolato alla desaparecida argentina Marie Anne Erize, avevamo presentato la richiesta lo scorso aprile, correlata da numerose firme, ne avevamo parlato col Presidente Scipioni e in commissione urbanistica”. Il 20 aprile, ma di quest’anno, il Consiglio del Municipio ha licenziato, all’unanimità, un ordine del giorno, proposto dalla conferenza dei capigruppo, col quale si è chiesto al commissario Tronca di sospendere i lavori. Sicuramente tardi. David Nicodemi

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/tor-bella-monaca-al-posto-del-verde-un-centro-polifunzionale/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.