«

»

Stampa Articolo

Teatro Tor Bella Monaca: dalla piccola periferia ai grandi progetti europei

ingresso-teatroIl 21 giugno è andata in scena la Festa della Musica, un evento che, partendo dalla struttura teatrale in via Bruno Cirino, è stata organizzata in collaborazione con il Municipio e con il Centro Commerciale Le Torri.

Il pomeriggio del 21 giugno il Teatro di Tor Bella Monaca è in fermento. A raccontarci della ricca giornata prevista, il Direttore del Teatro Filippo D’Alessio, che espone tutte le varie iniziative previste per la giornata: “Oggi è la festa della musica in tutta Europa, non solo a Roma, e a Tor Bella Monaca ci sono tantissimi eventi a testimoniare la volontà di dare una particolare attenzione alle arti e alla musica. Come Teatro, abbiamo aderito all’iniziativa proposta dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, e su Sua proposta proietteremo il film Pipì, Pupù e Rosmarina di D’Alò, lo stesso regista del film La gabbianella e il gatto. Avrebbe dovuto essere presente il regista stesso, ma per imprevisti non ci sarà: ci ha inviato un messaggio vocale che poi trasmetteremo, con la promessa di venire qui in autunno col suo nuovo film”.

La Festa della Musica prende il via al Teatro di Tor Bella Monaca alle ore 17 con la proiezione di questo lungometraggio. L’evento si svolgerà in tre diversi luoghi: nel centro commerciale, all’ingresso del Municipio e nell’arena alle spalle del teatro. Ci saranno tantissimi artisti ad esibirsi: a partire dalle ore 18:30 nel centro commerciale; alle 19 nello spazio davanti al Municipio, mentre alle 21:30 inizierà la fase serale dell’evento, che si protrarrà fino alla mezzanotte nello spazio dell’arena. Il tutto arricchito dalle esibizioni della street band, che, partendo dal centro commerciale, percorrerà tutta l’area pedonale che unisce il Teatro, il Municipio e il centro commerciale.

locandinaPrima dell’entrata in scena della street band, alle 21, ci sarà un evento non meno importante, della durata circa mezz’ora, l’esibizione del coro della LIS: un gruppo di sordomuti che utilizzeranno il linguaggio dei segni con l’ausilio di una videoproiezione.

La serata proseguirà con un coro gospel e le performance di altre band: a chiudere l’evento, quella dei Kathmandù. “Saranno proposti – continua Filippo D’Alessio – tutti i diversi generi musicali in questo spazio che speriamo col tempo diventi la piazza di questo municipio”.

Nonostante la ricchezza del programma, il Direttore D’Alessio ci racconta che l’organizzazione dell’evento si è definita in non più di una decina di giorni: “Tutto questo è stato possibile grazie anche alle diverse forze profuse nel progetto, dal Comune di Roma, che ci ha dato l’opportunità di partecipare a questa manifestazione, ma anche del centro commerciale e del Teatro, che hanno collaborato nonostante il poco tempo a disposizione. Siamo però riusciti a costruire un programma piuttosto ricco, lasciando anche degli spazi ‘free’, cioè liberi, a chi, spontaneamente, vuole esibirsi per presentare un suo pezzo, suonare o unirsi a chi già suona: questo viene lasciato molto alla spontaneità. Pur nei tempi stretti, siamo riusciti ad organizzare un evento molto importante, grazie alla mobilitazione di tutti. Tutto il personale del Teatro e gli esercenti del centro commerciale hanno lavorato sodo: i negozi rimarranno aperti fino alle 22:30, con una serie di iniziative anche di sostegno all’evento musicale. Alcuni restano aperti per proiettare per esempio la partita del giorno, offrendo l’aperitivo, altri tengono invece aperto il negozio per favorire un po’ di music shopping… E questo ci fa piacere, perché nel tempo questo luogo potrebbe assumere un’identità forte ed importante come accade in tante capitali europee. Ci auguriamo che diventi un luogo d’incontro e di partecipazione, favorendo, perché no, i lavori di sistemazione dell’arena, perché diventi uno spazio utilizzabile da artisti, pubblico e per tanti altri eventi”.

Il Teatro di Tor Bella Monaca si pone l’obiettivo di diventare il presidio culturale del territorio: 150mila spettatori in sole tre stagioni. Un dato che da solo racconta l’ importanza di questa struttura. Giulia Sfregola

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/teatro-tor-bella-monaca-dalla-piccola-periferia-ai-grandi-progetti-europei/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.