«

»

Stampa Articolo

Tana per il Consigliere Mattei!

MatteiLa Fiera lo aveva denunciato nell’aprile 2011 durante l’ inchiesta sui rimborsi d’oro dei consiglieri municipali. Il 3 aprile 2014 le Iene trasmettono un servizio sul caso del Vicepresidente del Consiglio Maurizio Mattei e i suoi rimborsi carburante. Spunta un’altra sorpresa…

Torna alla ribalta la storia dei rimborsi ai consiglieri municipali. Nel 2011 La Fiera denunciò una serie di irregolarità. Cifre da capogiro come quelle che percepiva l’allora consigliera Vanda Raco (PDL) con un rimborso di 7mila euro mensili grazie ad un contratto con una società di cui non conosceva né il datore di lavoro né la sede. Più diffuso il giochetto dei rimborsi carburante: alcuni consiglieri nella scorsa amministrazione avevano spostato la loro residenza per beneficiarne. E anche in questo caso si trattava di bei soldoni. Uno tra tutti il Vice Presidente del Consiglio Maurizio Mattei, eletto nella Lista Civica Marino e passato di recente nelle fila del Pd.

Nel 2011 ai nostri microfoni Mattei aveva dichiarato di aver spostato la residenza a Borgorose per assistere il padre malato e per usufruire della legge 104. “Mia moglie è residente in via Benedetto Torti – ci aveva spiegato – Quando ho comprato quella casa risultavo residente lì anche io. Dal primo gennaio 2009 sono andato fuori, a Borgorose. La casa in via Benedetto Torti è metà mia e metà è di mia moglie. La residenza l’ho cambiata per avere i tre giorni della 104, devi vivere con la persona a cui fai assistenza. E poi ho un immobile e visto che mio padre è ammalato non può essere abbandonato”. L’intervista a La Fiera aveva visto un Mattei disinvolto, tant’è che quasi provocatoriamente se ne era anche uscito con una battuta: “ Mi fanno le foto? Nessuno mi nega di passare la serata lì… Quella è sempre casa mia … Nessuno me lo nega … Non capisco il fine.. Mi vedono passare? Quella è sempre casa mia”.

Tutto il contrario di come è apparso nel servizio realizzato da Golia de Le Iene che lo ha beccato sull’uscio di via Benedetto Torti, dopo una serie di appostamenti antecedenti l’intervista. Visibilmente imbarazzato, ha dovuto ripiegare impegnandosi a rinunciare ai rimborsi carburante che, dalla sua elezione (giugno 2013) a gennaio 2014, gli hanno fruttato la somma di circa 5.500 euro che, aggiunti a quelli percepiti nella scorsa consiliatura, arrivano a sfiorare i 50mila euro.

La Fiera colpisce ancora e scopre un ulteriore scandalo nello scandalo: il padre del consigliere Mattei, venuto a mancare l’11 novembre scorso, aveva riportato la residenza presso la palazzina comunale a Piazza Erasmo Piaggio 20 (Villaggio Breda) il 10 gennaio 2011. Pertanto l’esponente della Lista Civica non solo ha mentito a noi, cosa che potrebbe reputarsi irrilevante, ma ha mentito alla Pubblica Amministrazione, ai cittadini e ai suoi elettori. Perché per tre anni, dal 2011 al 2014, ha percepito i rimborsi che alla luce di questa nuova scoperta non gli spettavano, visto che suo padre e suo madre erano tornati a Roma. Ad aggravare la sua posizione le decine di testimonianze che lo volevano residente in via Benedetto Torti già dal 2009.

“Una paraculata”, come dichiarato nel servizio de Le Iene dallo stesso Mattei. Effettivamente si tratta di questo, ma soprattutto di un reato ai danni dell’erario.

Federica Graziani

Il silenzio dell’opposizione

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/tana-per-il-consigliere-mattei/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.