«

»

Stampa Articolo

Sistema e modalità di voto

Le elezioni politiche del 2018 si terranno con il sistema introdotto dalla legge n. 165 del 3 novembre 2017 (comunemente nota come Rosatellum o Rosatellum bis, dal nome del suo ideatore Ettore Rosato). Essa sostituisce per il Senato della Repubblica il cosiddetto Consultellum, ossia la legge Calderoli modificata dalla Corte costituzionale in seguito a sentenza di parziale incostituzionalità, e per la Camera dei deputati la previgente legge elettorale italiana del 2015 (soprannominata Italicum), anch’essa emendata dalla Corte Costituzionale in seguito a una pronuncia di parziale incostituzionalità. Sia l’Italicum sia il Consultellum non sono mai stati utilizzati durante una consultazione elettorale. L’impianto della legge, identico a meno di dettagli alla Camera e al Senato, si configura come un sistema elettorale misto a separazione completa. Per entrambe le Camere:

il 37% dei seggi (232 alla Camera e 116 al Senato) è assegnato con un sistema maggioritario a turno unico in altrettanti collegi uninominali: in ciascun collegio è eletto il candidato più votato, secondo un sistema noto come first-past-the-post;
il 61% dei seggi (rispettivamente 386 e 193) sono ripartiti proporzionalmente tra le coalizioni e le singole liste che abbiano superato le previste soglie di sbarramento nazionali; il riparto dei seggi è effettuato a livello nazionale per la Camera e a livello regionale per il Senato; a tale scopo sono istituiti collegi plurinominali nei quali le liste si presentano sotto forma di listini bloccati di candidati;
il 2% dei seggi (12 deputati e 6 senatori) è destinato al voto per corrispondenza degli italiani residenti all’estero e viene assegnato con un sistema proporzionale.

Modalità di espressione del voto

Le schede elettorali per il rinnovo della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica si presentano in un’unica versione sia per l’assegnazione della quota maggioritaria dei seggi sia per quella proporzionale. Le schede riportano in primo piano i nomi dei candidati nel collegio uninominale in cui ricade il territorio dell’elettore e, in stretta congiunzione a questi, i simboli delle liste collegate, ciascuno munito dell’elenco dei relativi candidati nel relativo collegio plurinominale.

Si potrà esprimere il proprio voto in tre modi differenti:

  • tracciando un segno sul simbolo di una lista: in questo caso il voto si estende al candidato nel collegio uninominale che quella lista sostiene;
  • tracciando un segno sul simbolo di una lista e sul nome del candidato del collegio uninominale da questa sostenuto: il risultato è uguale in pratica a quello descritto sopra; non è però ammesso, pena l’annullamento della scheda, il voto disgiunto: l’elettore non potrà quindi votare contemporaneamente per un candidato di un collegio e, nel proporzionale, per una lista a lui non collegata;
  • tracciando un segno solo sul nome del candidato del collegio uninominale (senza indicare alcuna lista): in questo caso, il voto vale per il candidato nel collegio e inoltre si estende in automatico alla lista che lo sostiene; se quel candidato è però collegato a più liste (in coalizione), il voto in questione viene diviso proporzionalmente tra queste, in base ai voti che ognuna ha complessivamente ottenuto nel singolo collegio in questione.

scheda-rosa-rosatellumPartecipano al voto per il rinnovo della Camera dei deputati (scheda di colore rosa) gli elettori che hanno compiuto la maggiore età (diciotto anni), mentre per il Senato della Repubblica (scheda di colore giallo) gli elettori che hanno compiuto il venticinquesimo anno di età. Una novità dell’elezione è l’introduzione del cosiddetto “tagliando antifrode”: le schede sono munite di un’appendice cartacea con impresso un codice alfanumerico che i componenti del seggio annoteranno prima di consegnarla all’elettore, verificandone poi la corrispondenza al momento della riconsegna prima di staccare l’appendice e inserire la scheda nell’urna.

fonte wikipedia

Qui trovi la nuova Legge elettorale

Qui trovi i contrassegni ammessi e i loro programmi

 

 

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/sistema-e-modalita-di-voto/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.