«

»

Stampa Articolo

Scipioni si presenta ai cittadini

Marco ScipioniPiù di 250 persone sono intervenute presso la sede del Comitato elettorale per ‘Scipioni Presidente’ in via Aspertini  per presenziare all’incontro organizzato da Marco Scipioni per presentare il suo programma in vista delle primarie del 7 aprile.

Dovevano essere presenti Umberto Marroni, capogruppo del Pd di Roma Capitale e neoeletto alla Camera, e il neoeletto consigliere regionale Mario Ciarla, ma gli impegni politici ne hanno impedito la partecipazione. Scipioni da solo arringa la folla per un paio di ore. La sua analisi è subito sul  Movimento 5 Stelle. “Stiamo assistendo al declino della politica ed è importante ripristinarlo. Le responsabilità stanno a destra e in parte a sinistra. Il Movimento 5 Stelle è come i funghi che nascono sulla muffa e la muffa oggi è rappresentata dai partiti. Dobbiamo portare la politica di nuovo a livelli dignitosi. Se la muffa nei partiti scompare, scompariranno anche i funghi a 5 Stelle”.

Passa poi a parlare di sanità, tema a lui molto vicino. “Assistiamo ad una situazione drammatica nella sanità con il taglio degli ospedali. Stanno mandando a casa centinaia di operatori e sono in pericolo i servizi primari”. Torna poi ad analizzare la situazione della politica italiana. “Oggi tutti rifiutano di dialogare. Dopo la II guerra mondiale, uomini di sponde politiche diverse si sono seduti intorno ad un tavolo e hanno dialogato. Si sono confrontati. Dobbiamo recuperare il rispetto del dialogo  e puntare ad una politica che sia progettuale e non disfattista”. Scipioni passa poi al problema del lavoro, denunciando la chiusura di 1.700 botteghe al giorno nel nostro Paese. Analizza anche la situazione socio – economica dell’Italia: “Le classi sociali si sono appiattite. Oggi esistono solo i ricchi, i poveri e i disoccupati”. Si arriva a parlare degli errori all’interno del Pd. Dalla scelta di appoggiare Monti “per il bene dell’Italia”, al mancato controllo dei consiglieri del Pd in Regione durante la Giunta Polverini. “Ora però possiamo sperare e sorridere grazie alla vittoria di Zingaretti che riporterà sobrietà e dignità ad un’istituzione, come la Regione, che è stata calpestata e offesa”.

Si torna poi ai temi che hanno animato lo scontro politico in VIII e all’interno del Pd locale. “Abbiamo debellato, attraverso il nostro impegno, la discarica di Corcolle che era stata pianificata anche da una parte del centrosinistra. Ci hanno mandati dal Garante perché non eravamo in linea con il Pd.  Il nostro municipio non ha più una maggioranza, c’è la Corte dei Conti che sta lavorando su alcuni appalti assegnati in modo sospetto. In tutto questo il Pd non fa cadere la Giunta Lorenzotti! Ci sono stati atti votati dal centrosinistra con il centrodestra (toponimi ndr). Nel 2006 il Pd era al 64,5% oggi siamo al 21%. Sono 6 anni che perdiamo sempre! Coloro che hanno gestito il Partito facciano un passo indietro! La politica non è poltrona ma responsabilità. Servono uomini con capacità e che non abbiano scheletri nell’armadio. Alle primarie parteciperanno persone cacciate via dal nostro partito perché hanno fatto qualcosa di cui si devono vergognare”.

Dagli interventi successivi anche dei cittadini il riferimento era per l’altro candidato Mastrantonio. “Gente che non ha mai lavorato. Bene, è ora che vadano a lavorare! Gli uomini che martorizzano questo territorio da 20 anni devono andare via! In VIII abbiamo conflitti di interessi enormi – come denunciano anche i presenti  - finiamola di usare la politica per fare business. Queste situazioni di potere vanno scardinate”. Si torna poi a parlare dell’attuale situazione italiana, con una riflessione verso chi ha sostenuto Grillo su cui Scipioni invita a riflettere in quanto la Storia testimonia che “l’uomo solo al comando” non ha mai portato buoni risultati. Una riflessione anche sul partito legato ad Ingroia con cui secondo il candidato bisognava dialogare per evitare di perdere 1 milione e 500 voti. Il discorso nella fase finale è incentrato sul tema delle primarie, con l’augurio che “non si facciano i soliti giochi di potere”. La parola passa poi ai cittadini con cui Scipioni concorda su un obiettivo: una sinistra unita. Alla fine del dibattito su richiesta dei presenti Scipioni ha accettato un dialogo con tutti coloro del Pd che vogliono un vero cambiamento.

Federica Graziani 

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/scipioni-si-presenta-ai-cittadini/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.