«

»

Stampa Articolo

Scandalo, centurione mostra il pene

Gladiatori colosseo aggressione

Troupe televisiva aggredita al Colosseo. Le immagini del folle gesto del centurione sta facendo il giro del mondo, peggiorando l’immagine della Capitale.

Nella Roma delle inchieste giudiziarie e del disfacimento socio-culturale, dove funziona tutto fuorché il Campidoglio (e le società controllate), può capitare di imbattersi in un gladiatore, abusivo, che mostra agli uditori le parti basse. È la storia di Christian Sabbagh, giornalista rumeno del Kanal D, il cui servizio è diventato virale in pochissimo tempo. La notizia è rimbalzata anche su RomaFaSchifo: «Raccontiamo questo ennesimo scandalo nella speranza, che l’ampia visibilità internazionale che sta avendo, possa far capire all’Amministrazione cittadina e statale che se togli le bancarelle e le macchine dal Colosseo, poi non puoi lasciarci questi farabutti».

Siamo in pieno giorno e la troupe televisiva stava facendo un servizio a uno dei monumenti più conosciuti al mondo. Poi la classica foto, quella di rito, «atroce», secondo il noto sito, coi centurioni. Il casino è scoppiato a questo punto, perché i «pagliacci con la scopa in testa – continua il resoconto- vogliono ben 100 Euro». Una cifra spaventosa, molto peggio dei scontrini pazzi che ristoranti o bar cercano di rifilare ai poveri turisti.

Mani sulle telecamere e sui microfoni, spintoni, minacce e furto del portafogli (poi restituito, dicendo di accontentarsi di 50 euro): è stata questa la reazione dei gladiatori al rifiuto del giornalista. Uno di loro, il più esagitato, quello che più volte si è avvicinato alla troupe con fare intimidatorio, ha pensato bene di sollevarsi le vesta e di mostrare all’obiettivo le parti intime, con la chiara consapevolezza di rimanere impunto.

 

E, infatti, così è stato. «Senza denuncia non possiamo fare nulla», si è sentito rispondere il giornalista dagli Agenti della Polizia Municipale. «La cosa incredibile è come questi individui – rincara RomaFaSchifo – si muovono in quella che dovrebbe essere l’area più tutelata, presidiata, protetta e controllata della città. Anche qui, sotto al Colosseo, in mezzo ai flussi di milioni di turisti l’anno, lo Stato non c’è».

Il sito, infine, ha riportato la traduzione testuale fatta in studio dalla vittima del vergognoso episodio. «Se una cosa del genere fosse successa in Romania, vi assicuro che quei poliziotti sarebbero stati licenziati. In tronco. Dalle mie esperienze la polizia Rumena agisce sempre con serietà e fermezza in ogni situazione. Quindi, prima di riprendere noi per alcuni fatti, sarebbe meglio che alcuni Stati Europei facessero pulizia nel loro territorio. Nessuno può venire a dirmi che quei poliziotti non erano amici degli individui al Colosseo. Pensate che queste scene accadono in un luogo affollato dove arrivano migliaia di turisti da tutto il mondo ogni giorno. A questo punto è inutile pensare quello che accade nelle periferie di Roma». Alè.

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/scandalo-centurione-mostra-il-pene/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.