«

»

Stampa Articolo

Rocca Cencia. In arrivo anche un biodigestore

biodigestoreSi tratta di un impianto che converte il rifiuto organico in gas, i primi interventi sono previsti per il 30 novembre 2015. Il 4 dicembre, nell’incontro con i comitati riuniti presso l’aula consiliare del Municipio VI, Fortini aveva negato, fra le altre cose, l’ innesto di centri di trattamento termico.

Non solo l’ecodistretto. Il 30 novembre 2015 l’impianto Ama in via di Rocca Cencia riceverà i primi innesti per l’installazione di un biodigestore. Parliamo di un impianto che converte il rifiuto organico in gas, definito in gergo biogas, utilizzato maggiormente per la produzione di energia elettrica. Si tratta di un tipo di trattamento del rifiuto da sempre mal visto in Italia, per via degli odori nauseabondi che porta in dote e la conseguente scarsa salubrità dell’area nel raggio di proliferazione. Se si considerano gli effetti, olfattivi e ambientali, causati dal solo TMB già in essere, il tridente con biodigestore ed ecodistretto potrebbe rivelarsi devastante.

L’impressione è che, con gli impianti di via Salaria e Malagrotta in chiusura, Rocca Cencia stia diventando la vera maxi discarica della capitale, nelle intenzioni e nei fatti. Così come successo per tritovagliatore ed ecodistretto, anche la notizia sul biodigestore arriva improvvisa e inaspettata. Prima dell’annuncio, risalente a due settimane fa, non se ne era mai parlato; addirittura lo scorso 4 dicembre il numero uno di Ama Daniele Fortini, giunto in VI Municipio per illustrare il progetto ecodistretto, rispondendo ad una nostra domanda sulle minidiscariche di servizio, negava ogni possibilità di innesto di nuove discariche e di centri di trattamento termico dei rifiuti. L’ennesimo colpo basso inflitto da istituzioni e municipalizzate al territorio di Roma Est.  L’attivazione dell’impianto è prevista per l’ 1 ottobre 2016, lo ha reso noto il consigliere pentastellato Enrico Stefàno che il 17 febbraio ha pubblicato i dati presentati durante la Commissione Capitolina all’Ambiente. “Non c’è stata nessuna condivisione o dibattito con il territorio – ha commentato Stefàno – le informazioni fornite dall’AMA sono poco trasparenti: da una parte si parla di biodigestore, dall’altra non si specifica dove verrà collocato esattamente. Queste spiegazioni così vaghe non ci fanno ben sperare”. Appresa la notizia, i comitati impegnati da mesi nella lotta all’ecodistretto si sono attivati immediatamente, organizzando una petizione on line per chiedere l’abbandono del progetto ecodistretto. Petizione che però, nei primi 5 giorni, ha raccolto solamente 360 firme. La situazione dell’impianto di  Rocca Cencia diventa sempre più nefasta, bisogna serrare le fila, il territorio deve essere coeso e indirizzato verso un unico scopo: evitare che il quadrante est diventi la discarica della capitale. Matteo Muoio

 

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/rocca-cencia-in-arrivo-anche-un-biodigestore/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.