«

»

Stampa Articolo

Pratofiorito, finalmente il CdQ ottiene la pulizia del fosso

22491787_1388975951231172_1864228844301173863_nIl presidente del CdQ Egidio Gallozzi racconta l’iter durato anni.

I nomi dati ai quartieri dell’estrema periferia est sono davvero ingannevoli. Uno che si trovi a leggere di luoghi chiamati Castelverde, Collina della Pace, Pratofiorito, Colle del Sole, Villaggio Prenestino… potrebbe immaginare una realtà amena, in cui la città cede gentilmente il passo a pittoreschi scorci bucolici con gente felice e spensierata, lontana dalle logiche metropolitane di caos e urbanizzazione selvaggia. Niente di più falso, quei nomi suonano come uno scherno di cattivo gusto quando poi ci si trova ad attraversare il martoriato paesaggio “metro-rurale” di una parte di città in cui si muore di incuria. Qui il concetto stesso di degrado andrebbe rivisto perché esso esprime una parabola discendente nella cura di qualcosa che prima era integro e, appunto, curato, ma questo “prima”, questa fase di cura e integrità, la periferia est di Roma non l’ha mai vissuta.

Un elemento “metro-naturale” tipico delle nostre periferie sono anche i fossi: Fosso San Giuliano, Fosso dell’ Osa eccetera, questi sì che mantengono nel nome quel senso funereo e macabro che meritano. In questi fossi ci si trova di tutto e spesso ottenerne la pulizia è cosa molto difficile. A Pratofiorito ci sono riusciti grazie all’impegno dei cittadini che però è durato anni senza ricevere risposta alcuna. I

img-20171021-wa0014Il presidente del Comitato di Quartiere Egidio Gallozzi racconta cosa è stato fatto fino a adesso: “Abbiamo finalmente ottenuto che il fosso di Pratofiorito fosse pulito. La nostra lotta per ottenere questo diritto è durata anni. Il fosso non era mai stato bonificato né pulito in alcun modo. L’incuria aveva fatto si che proliferassero topi, scarafaggi, zanzare e altri animali che mettevano a repentaglio la condizione igienico-sanitaria del quartiere, tanto più che il fosso costeggia il Parco dell’Acqua e del Vino dove i bambini giocano e le persone vanno a correre o a portare fuori il cane. La crescita incontrastata di arbusti e piante ha creato seri problemi con gli incendi che hanno interessato anche il parco nel corso dell’estate appena trascorsa. L’acqua stagnante, inoltre, emanava un odore fortissimo e sgradevole Dopo aver interpellato invano la giunta Scipioni, nell’Aprile di quest’anno abbiamo contattato la giunta Romanella”.

A questo punto la situazione si sblocca e proprio in questi giorni è stata inviata una ditta (la Romana Costruzioni Appalti S.R.L.), che ha ripulito il tratto di fosso che va da Via di Borghesiana fino all’ingresso del parco. “Ho chiesto agli operai della ditta il capitolato di appalto – ci informa Gallozzi – per capire quale è l’entità dei lavori che devono essere svolti. Ad oggi (21/10/17) non ho ancora ottenuto alcuna documentazione e mi chiedo perché queste cose non vengano rese immediatamente pubbliche. Un operaio mi ha informato che hanno il compito di pulire tutto il fosso nel tratto che costeggia il parco. L’unica cosa che ci lascia perplessi è che la ditta rimuove solamente i rifiuti organici (cespugli, arbusti, tronchi) ma non fa lo stesso per il resto dei rifiuti così lungo il fosso ripulito campeggiano cumuli di plastica, copertoni e tutti i rifiuti che non siano di origine naturale. A questo riguardo abbiamo già allertato l’AMA per chiederne la rimozione. Nonostante questo la ditta sta lavorando bene e noi ci stiamo organizzando per abbellire il fosso con vasi di fiori e altri elementi decorativi che possano restituire una dignità, almeno estetica, al nostro quartiere”.

Queste piccole storie fanno capire il vero significato della discrepanza tra i nomi delle periferie di Roma est e il loro reale aspetto. L’assurdità della nomenclatura iconoclastica dei nostri quartieri si riflette sulle lotte di tutti i giorni: ottenere la concessione di un diritto, dunque, equivale a una vittoria, è assurdo ma è giusto goderne come fosse tale. A Roma est i cittadini sono forti e coraggiosi, laddove chiunque si scaverebbe la fossa, loro, la decorano. Marco Severa

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/pratofiorito-finalmente-il-cdq-ottiene-la-pulizia-del-fosso/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.