«

»

Stampa Articolo

Ponte Osa. Il Partito Democratico chiede di intervenire

30709318_10216495207074952_6240516094436573184_nLa mozione a firma del PD impegna il Presidente del Municipio d’intervenire al più presto. Ma l’appello cade nel vuoto: “Chi governa oggi Comune e Municipio dovrà assumersene la responsabilità amministrativa e morale”.

“Stiamo lavorando”, un leitmotiv cui ormai il Movimento 5 Stelle ci ha abituato in questi due lunghi anni di amministrazione. Di nuovo, quando Dario Nanni, capogruppo del Partito Democratico VI Municipio e primo firmatario della mozione, ha chiesto di intervenire d’urgenza, la risposta è stata quella: “stiamo lavorando”.

È vero che si sta lavorando, nessuno lo mette in dubbio. Ma esistono gli strumenti per rendere l’iter amministrativo e burocratico un po’ più snello. Come ricorrere, ad esempio, alla somma urgenza facendo debito fuori bilancio. Una parolaccia per il Presidente della Commissione Lavori Pubblici capitolina Alessandra Agnello e per tutto il M5S. Lo stesso D’Orrico, Assessore al Bilancio del Municipio, liquida la proposta, avanzata anche da Valeria Baglio del PD, di ricorrere a questo strumento: “Non serve”.

A seguito della mozione bocciata, il PD prova a smuovere gli animi presentando un’interrogazione. Per sapere cosa è stato fatto e in che modalità, e soprattutto per sapere se sono noti i tempi per restituire ai cittadini del quadrante est di Roma la vivibilità che hanno ormai perduto. Dopo quasi 20 giorni la situazione è praticamente immobile, e l’ipotesi che il ponte possa restare in quelle condizioni dai 4 mesi ai 4 anni sta creando forte scompiglio.

“È assurdo che dopo quasi 20 giorni non si abbia la minima di idea di come e quando s’interverrà per risolvere questa vicenda – dichiara Dario Nanni – Si doveva intervenire d’urgenza attraverso i poteri straordinari del Sindaco, e c’erano tutte le condizioni per poterlo fare. Ma parlare è un conto, agire è tutt’altra cosa e in questo i Cinque Stelle sono l’esempio più eclatante. Per questioni meno importanti di questa in passato, quando erano all’opposizione, scatenavano il finimondo. Ora, davanti a una situazione gravissima, non sanno cosa fare. Questa vicenda rimarrà una ferita indelebile perché decine di migliaia di cittadini del versante prenestino-collatino si sono ritrovate come degli ostaggi sotto sequestro per l’incapacità di chi governa. I cittadini hanno dovuto cambiare tempi e modi della propria vita quotidiana per andare a lavorare, a scuola, a fare la spesa: un danno incalcolabile. Chi governa oggi Comune e Municipio dovrà assumersene la responsabilità amministrativa e morale”. Flavio Quintilli

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/ponte-osa-il-partito-democratico-chiede-di-intervenire/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.