«

»

Stampa Articolo

Ponte Osa, aperto il passaggio per i pedoni

31389839_591680881193571_7878721470803047969_n

Nella mattinata del 27 aprile è stato aperto il passaggio che consentirà ai pedoni di oltrepassare il ponticello senza dover scavalcare. Resta ancora il problema della viabilità e della segnaletica.

“In seguito al sopralluogo effettuato ieri dalla Commissione per la Verifica delle Condizioni Statiche degli Edifici Capitolini e in uso a Roma Capitale, è stato riaperto al transito pedonale il ponte sul Fosso dell’Osa”. Sono poche parole scritte dal Presidente del VI Municipio Romanella sulla sua pagina Facebook.

Con un solo giorno è stato possibile aprire ai pedoni il passaggio, un’operazione che si sarebbe potuta effettuare già il giorno dopo al crollo parziale del ponticello avvenuto il 5 aprile. Eppure ci sono voluti all’Amministrazione ben 20 giorni per fare un sopralluogo. Sopralluogo che è avvenuto in seguito alla manifestazione dei cittadini che ha creato non pochi disagi alla viabilità che già era al collasso.

Dopo la protesta, improvvisamente, il VI Municipio si è svegliato dal torpore in cui era ed ha convocato prima il Genio Pontieri, dal quale sta aspettando un preventivo per realizzare un ponte bailey, e il giorno seguente la Commissione Stabili Pericolanti grazie alla quale è stato possibile aprire il passaggio pedonale.

Un passaggio pedonale che purtroppo non risolve il problema della viabilità del Versante Prenestino. I pedoni, scavalcando, oltrepassavano già il ponticello prima della rimozione dei new jersey. E come dargli torto? Chi non era in possesso di un veicolo avrebbe dovuto fare dei giri assurdi per poter arrivare sulla Polense all’incrocio con via di Rocca Cencia! Ora, almeno, l’accesso sarà consentito anche ai disabili, alle mamme che devono spingere la carrozzina dei loro bimbi e ai ciclisti.

30708886_10216495208394985_5210344471681564672_nIn seguito all’ apertura del passaggio pedonale, Andrea De Carolis, rappresentante del Comitato Spontaneo Cittadini Osa, commenta: “Se è possibile percorrere il ponte pedonalmente è evidente che i due ponti sotto sono integri, quindi su quei due ponti si potrebbe intanto realizzare un senso unico alternato per le auto. Senza alcun dubbio. E’ quello che bisogna chiedere. Sono tre ponti indipendenti come avevamo fatto notare noi cittadini allora anche il traffico veicolare alternato con due semafori si può fare e contestualmente partire con la riparazione del ponte danneggiato senza aspettare altri ponti amovibili oppure no”.

Sullaa questione è finaalmente intervenuta l’Assessore ai Lavori Pubblici di Roma Capitale Margherita Gatta: “Il Ponte dell’Osa, nel Municipio VI, è stato riaperto al transito ciclo-pedonale. Siamo impegnati per restituire ai cittadini questa struttura centrale per la mobilità della Capitale. Non sottovaluteremo alcuna soluzione ma è importante sapere che si tratta di un ripristino complesso e in condizioni non del tutto favorevoli. Il 5 aprile ha ceduto una parte della soletta del Ponte dell’Osa e immediatamente intervenuti sul posto i vigili del fuoco e i tecnici del Simu hanno deciso di chiudere al transito il ponte per garantire la sicurezza dei cittadini. Negli ultimi giorni sono stati effettuati diversi sopralluoghi del Ponte dell’Osa ad opera della Commissione Sicurezza Stabili Pubblici di Roma Capitale insieme anche al Genio Militare. È stata realizzata ad opera del Dipartimento SIMU (Lavori Pubblici) la pulizia dei fornici del ponte e per questo motivo, a seguito di un’ultima ispezione, la Commissione ha ritenuto di poter autorizzare la riapertura del ponte al transito ciclo-pedonale e di procedere con l’esecuzione dei lavori necessari a riportare in stabilità e sicurezza il ponte. È stata quindi attivata l’impresa della manutenzione strade Grande Viabilità per l’allestimento, d’intesa con il VI Gruppo “Torri” della P.R.C., del percorso ciclo-pedonale che è stato quindi aperto al transito in data odierna. Si sta procedendo con le attività finalizzate all’affidamento delle indagini necessarie per la presentazione al Genio Civile del progetto di ristrutturazione del ponte, nonché all’affidamento della progettazione stessa. Un lavoro che impegnerà il Dipartimento SIMU per alcuni mesi e che necessita di una soluzione transitoria in tempi rapidi. Nel frattempo quindi il Genio Militare sta verificando la possibilità di realizzare un ponte mobile al fine di garantire comunque la circolazione veicolare”. L’Assessore fa un bel riassunto delle puntate precedenti non aggiungendo nulla a quanto già di pubblico dominio.

Restano ancora incerti i tempi in cui il Ponte Osa verrà riaperto al traffico. A 22 giorni dal crollo, l’Amministrazione non è riuscita ancora ad installare la segnaletica. Non è certo un buon biglietto da visita. Federica Graziani

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/ponte-osa-aperto-il-passaggio-per-i-pedoni/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.