«

»

Stampa Articolo

Polo Tecnologico. Le ditte aspettano il pagamento di 3 milioni di Euro

TECTRA 10.8.16Hanno manifestato per giorni i dipendenti delle circa dieci ditte che hanno lavorato nel cantiere in via del Polo Tecnologico/Tiburtina Km.15,500. Si apre inoltre un giallo: “Potrebbe arrivare un centro di accoglienza”. 

Uno dei tanti casi di “scatole cinesi” dove non si riesce mai ad arrivare al bandolo della matassa. E’ quanto sta accadendo al cantiere in via del Polo Tecnologico/Tiburtina Km. 15,500.

Operai e ditte che aspettano da mesi di essere pagati e che stanno andando in rovina a causa di un interlocutore che di fatto non si trova.

“Come accade in molti cantieri romani – spiega il responsabile di una società che deve ancora ricevere pagamenti per circa 300mila Euro – questo è un lavoro passato per numerosi subappalti. Arrivano i subappaltatori che poi non pagano più e a farne le spese sono gli ultimi della fila. Voglio segnalare che qui dovevano essere realizzati gli alloggi per gli studenti dell’Università di Tor Vergata ma da qualche giorno il cartello della destinazione d’uso è stato sostituito e le voci che si fanno sempre più forti inducono a pensare che lo stabile venga adibito a centro di accoglienza. A questo punto i lavori eseguiti potrebbero risultare inadeguati alle nuove esigenze. Per cosa e chi abbiamo lavorato? La mia ditta in questa situazione ha già dovuto pagare a caro prezzo quanto sta accadendo. Eravamo 9 dipendenti ora siamo rimasti in 3. Ci sono una decina di ditte nella mia stessa situazione. Dopo giorni di protesta abbiamo ottenuto, grazie alla CGIL, un incontro con la proprietà che ha portato ad un nulla di fatto. E’ venuta anche da noi la deputata del Movimento 5 Stelle Roberta Lombardi, che ci aveva promesso che avrebbe presentato una denuncia alla Procura della Repubblica ma poi è sparita”. I dipendenti hanno messo in campo tutte le forze che avevano per portare avanti la loro protesta, ma oggi, 10 agosto, sono arrivati allo stremo: “Abbiamo esaurito le forze, siamo qui dal 2 agosto”.

L’impresa committente dei lavori è la Tectra di Adolfo Leonardi, il commercialista legato allo scandalo delle palazzine in via Tovaglieri a Tor Tre Teste di proprietà del Capitano della Roma Francesco Totti: Leonardi, insieme al fratello del calciatore, secondo Il Fatto Quotidiano, gestiva la società Immobiliare Dieci.

La proprietà dello stabile sarebbe dei fratelli Faranda, i due sono proprietari a Roma di 89 punti vendita nel settore alimentare.

Ad essere preoccupati della situazione anche i cittadini di cui si fa portavoce Paolo Cartasso, Presidente del Comitato Case Rosse 2014: “La preoccupazione, oltre che per quelle imprese che hanno lavorato e non sono state pagate è anche per l’utilizzo degli edifici in argomento che non sembrano essere destinati a Case per Studenti ma potrebbero essere utilizzati per accoglienza immigrati. Sta circolando un bando che renderebbe l’ipotesi molto concreta”. 

Una storia dagli intrecci preoccupanti intorno alla quale è possibile stilare un elenco di latitanti. In primis le istituzioni che sembra aver scelto di mettere la testa sotto la sabbia o peggio ancora di rimanere spettatori silenti.

Federica Graziani

 

 

 

 

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/polo-tecnologico-le-ditte-aspettano-il-pagamento-di-3-milioni-di-euro/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.