«

»

Stampa Articolo

Pigneto. Parco Angelo Galafati, protestano i genitori

parco angelo galafatiÈ polemica sulla gestione manutentiva del nuovo parco Angelo Galafati, lo spazio verde della scuola Toti adiacente alla futura fermata Pigneto della Metro C. Assessore Pietroletti: “L’associazione diffonde notizie false”.

Un nuovo parco nel quartiere Pigneto sembrava aver portato in estate una nuova brezza di civiltà. Tuttavia a sollevare la polemica sembrerebbero essere i punti concordati durante la realizzazione dello spazio verde, che a detta dell’Associazione Genitori Scuola Toti “non sono stati rispettati”. “Dal 2006 in concomitanza con i lavori per la metro C si è chiuso un giardino che era già aperto – dichiara Alessandra D’Angelo, Presidente dell’Associazione Genitori Scuola Toti. I bambini non hanno più usufruito dello spazio verde per anni, convivendo con polveri sottili e inquinamento. La prospettiva di ottenere un giardino nuovo – continua – è stata formulata dalla nostra associazione insieme ad alcuni architetti e, nell’agosto del 2014, è stato portato a termine il parco. Il risultato però non rispecchia il progetto originale e la manutenzione, è pressoché assente” conclude D’Angelo. La totale assenza di sicurezza attraverso la segnaletica stradale e i dossi di rallentamento – assieme alla manutenzione del parco e alla sua chiusura – sono le principali richieste che i genitori avanzano all’Amministrazione. Anche l’assenza di alcuni arredi interni al giardino, come la parete attrezzata e il punto di presa per la corrente, sembrerebbero mancare all’appello delle aspettative dei genitori della scuola Toti.

parco galafati_striscione“L’associazione dice delle cose non vere – dichiara Giulia Pietroletti, Assessore alle Politiche Ambientali per il Municipio V – Insistono a diffondere la notizia falsa per cui il parco è privo di manutenzione: lo spazio verde è regolarmente in mano al servizio giardini del Comune. Per quanto riguarda la chiusura durante la notte – spiega l’Assessore – sono circa vent’anni che purtroppo il Comune non ha la possibilità di chiudere i parchi pubblici. Esistono tuttavia convenzioni a riguardo e un protocollo chiamato ‘Adotta un giardino’, che permette alle associazioni di curare il bene comune facendo manutenzione. Sulla base della creazione collettiva che c’era stata, abbiamo proposto ai genitori questa soluzione ricevendo però una risposta negativa. Così abbiamo contattato l’Associazione Nazionale Polizia di Stato, che già chiude due parchi del nostro Municipio: la Tana dei cuccioli e il Giardino di Castruccio. Questa associazione ha chiesto alla scuola di poter ristrutturare gratuitamente la casa del custode per poi inserirci la loro sede offrendo in cambio il servizio di manutenzione del giardino, inclusa la sua chiusura. Questa proposta è stata avanzata in Consiglio d’Istituto e ha provocato polemiche da parte dei genitori” spiega Pietroletti. Mentre sulla sicurezza, “la strada non è stata ancora consegnata: quando la Metro C sarà aperta e accessibile verranno ultimati questi aspetti” afferma l’Assessore. “Abbiamo creato insieme ai cittadini un parco giochi curando l’attenzione al quartiere – conclude Pietroletti -tuttavia ci si dimentica delle battaglia fatte per ottenere la costruzione di quel parco: gli stessi architetti che hanno creato il progetto assieme ai genitori e all’Amministrazione, sono rimasti sorpresi delle reazioni negative dell’Associazione nella fase finale: c’è un’ opposizione a priori verso la politica, come dargli torto d’altronde leggendo i giornali, ma bisogna collaborare” dichiara. E sul coinvolgimento di cooperative legate agli scandali di Mafia Capitale nella gestione di spazi pubblici nelle periferie, l’Assessore risponde come “nel Municipio V le cooperative coinvolte in Mafia Capitale non hanno mai lavorato nel verde. Allo scoppiare dell’inchiesta abbiamo passato in rassegna tutte le entità che lavoravano in questo settore e abbiamo ottenuto conferma da parte del Servizio Operativo Municipale della totale assenza di cooperative coinvolte nello scandalo riguardo la gestione delle aree verdi del nostro Municipio”. Luca Covino

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/pigneto-parco-angelo-galafati-protestano-i-genitori/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.