«

»

Stampa Articolo

Piano di Zona Castelverde B4, incubo senza fine

Liberti1A due passi dal famigerato complesso delle Cerquete, si sta consumando un altro scempio: 32 famiglie aspettano da anno l’alloggio prenotato.

Quella dei Piani di Zona per l’edilizia agevolata, è una partita difficile da districare. Sono molteplici le criticità,ritardi, prezzi di locazione sballati e opere di urbanizzazione mai realizzate, alle quali l’ex-assessore alla Trasformazione urbana Giovanni Caudo ha cercato di trovare soluzioni in “difesa dei diritti dei cittadini che accedono ai programmi di edilizia agevolata”, aveva sottolineato qualche mese fa. “Dal novembre 2014, abbiamo attivato un tavolo specifico su due delle realtà più drammatiche Monte Stallonara e Castelverde”. Ma ora, con la cacciata del sindaco Marino, per volere del Pd romano (e di Renzi), chi seguirà il lavoro di Caudo?

Mentre si attendono risposte sensate, e azioni concrete, proprio dal disastroso Piano di Zona B/4 Castelverde, arriva un’altra testimonianza terribile. È la storia di Massimo Fiorini, e di altre 31 famiglie, rimasto vittima di questo sistema alquanto lacunoso. Nel 2008, in qualità di socio della cooperativa Aurora ’79, ha prenotato un alloggio in affitto permanente in via Salvore De Lorenzo, “la cui ultimazione – recita il comunicato della cooperativa del 19 aprile 2011 – era prevista nell’anno 2009. Per motivi inerenti l’acquisizione da parte dell’Amministrazione Comunale per la realizzazione delle OO.UU. si è dovuto ritardare l’inizio lavori che avverrà nel prossimo mese di maggio 2011”.

Due palazzine con 16 appartamenti ciascuno: sono questi i numeri del complesso che sorge alle spalle di via Liberti e che rientra nel “Programma sperimentale di edilizia residenziale, 20.000 alloggi in affitto ai sensi della Delibera della Giunta Regionale n.1012 del 29 ottobre 2004”, come c’è scritto nel vecchio cartello, sbiadito quanto l’intero progetto. A due passi l’altro complesso incriminato, quello delle Cerquete, laddove i compratori, per la malagestione della società costruttrice, stanno rischiano di perdere la casa.

liberti2 signor Fiorini“Per prenotare l’appartamento – spiega Fiorini- abbiamo anticipato 10 mila euro, in due tranche”. Ma il cantiere è fermo, in apparente stato di abbandono, “hanno pure tolto la guardiania”. Nella stessa situazione, come anticipato, altre 31 nuclei familiari. “Nel 2010 ho lasciato l’appartamento in via dei Glicini – aggiunge il diretto interessato –, perché serviva ai figli del proprietario, e sono stato costretto, dati i ritardi, a prenderne un altro, sempre in affitto, a Villaggio Falcone”. È uno strazio senza fine, quello che stanno passando, nel silenzio, vergognoso, delle Istituzioni. “Nell’ultima assemblea generale dei soci della cooperativa [del 27.05.2015 ndr], ci è detto riferito che è stata l’inchiesta di Mafia Capitale a rallentare l’ultimazione dell’opera”.

Lo scorso giugno è arrivato un provvedimento della Regione Lazio, col quale è stato possibile sbloccare i Piani di Zona in essere e quelli programmati, molti dei quali sempre nel VI Municipio. “Faccio appello al commissario del Campidoglio Tronca –conclude Fiorini -, pensi anche a noi, che stiamo vivendo un incubo”. David Nicodemi

 

 

 

 

 

 

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/piano-di-zona-castelverde-b4-incubo-senza-fine/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.