«

»

Stampa Articolo

Pd, in attesa del nuovo segretario romano

pdQuattro i nomi che parteciperanno alle primarie per l’elezione del nuovo segretario romano del Pd. Elezioni che produrranno conseguenze politiche anche nel nostro municipio.

Lionello Cosentino, Lucia Zabatta, Tobia Zevi e Tommaso Giuntella. Saranno loro i ‘magnifici quattro’ che si sfideranno nelle primarie per l’elezione del nuovo segretario del Partito Democratico di Roma che si chiuderanno il 2 novembre. Favorito tra i quattro sembrerebbe Cosentino, sostenuto da Bettini, Veltroni, Morassut, l’Area Dem, i Popolari, Patanè, Gasbarra e molti consiglieri comunali e regionali tra cui de Luca, Ferrari, Di Biase, Coratti, Di Stefano, Stampete, Policastro, Tiburzi e Madia. Una vera armata quella che si sta costruendo intorno a Cosentino, ex Assessore alla Sanità nella Regione Lazio, che sta prendendo forma anche nel nostro municipio. Molti consiglieri e assessori municipali lo sosterranno: Angelucci, Sardone, Grasso, Onorati, Gasparutto, Alveti.

Non mancherà il sostegno anche di quel Pd del VI Municipio uscito sconfitto nelle primarie contro Scipioni. Il Presidente del Municipio, con la sua area di riferimento legata a Marroni, sosterrà invece Giuntella. A rinforzare questa candidatura a livello municipale si aggiungeranno i consiglieri e assessori legati al circolo di Torre Spaccata. A sostenere, invece, Zabatta sarà l’area legata a Civati, mentre per Zevi ci saranno i ‘renziani’ legati a Gentiloni. Intanto nel nostro municipio con l’arrivo del Commissario, Dario Esposito, che sostituisce il segretario dimissionario del Pd Andrea Sgrulletti, i circoli stanno riaprendo per i tesseramenti. Il quadro municipale per le primarie del segretario romano vedrebbe il Presidente Scipioni isolato rispetto alle scelte dei consiglieri della sua maggioranza. Ce la farà lo stesso a far vincere in Municipio il suo candidato nonostante  il mancato sostegno dei suoi consiglieri?

Se Cosentino dovesse vincere al primo turno, non ci saranno margini di trattative con i perdenti, quindi Scipioni non avrebbe rappresentanza nell’esecutivo del Pd romano. Se è vero che la maggioranza è compatta intorno al suo progetto politico, queste primarie smentiscono con i fatti l’armonia tanto decantata all’interno del centrosinistra municipale. Già aperta la caccia alle tessere. Potranno votare, ma non potranno candidarsi, alle primarie del Pd tutti coloro che si iscriveranno al partito, anche il giorno stesso della sfida elettorale. Dal romano non possiamo non pensare a quello che accadrà, invece, per l’elezione del segretario municipale. Tutti gli indizi porterebbero ad una candidatura di Cremonesi, ex consigliere municipale afferente all’Area Dem, che potrebbe essere sostenuto anche dal gruppo legato a Scorzoni e quello di Doriana Mastropietro.

Per il gruppo che fa riferimento a Marco Scipioni si potrebbe invece ipotizzare la candidatura di Fulvio Papini, segretario del circolo Pd di Torre Spaccata, un fedelissimo del Presidente. Mentre per il nazionale Scipioni sosterrà Cuperlo, a differenza della maggior parte degli esponenti politici locali che invece sosterranno la candidatura di Renzi. Una cosa è certa: le primarie per eleggere il nuovo segretario romano saranno una prova importante per dimostrare la forza del Presidente Scipioni e dei suoi avversari sul territorio. La speranza è che, come al solito, la politica non lasci il posto alle polemiche.

Federica Graziani

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/pd-in-attesa-del-nuovo-segretario-romano/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.