«

»

Stampa Articolo

Parco Archeologico Centocelle, Il silenzio intorno (e dentro)

resti area decollo modellini (1)Incendi e chiusure al traffico veicolare peggiorano la situazione della delicata area verde di Centocelle.

Si sente ancora l’odore acre della cenere e dei carboni spenti, passeggiando per il Parco Archeologico di Centocelle. Tre incendi in poche settimane hanno messo a rischio la vasta area verde racchiusa fra la Casilina, Palmiro Togliatti e Tuscolana eppure nessun provvedimento amministrativo è stato preso al riguardo. Nessuna azione di tutela, nessun aumento della vigilanza, nessuno screening dell’area ad oggi in assoluto abbandono.

Con Alessandra Noce, membro del Comitato di quartiere Centocelle storica, abbiamo fatto un giro nella vasta area del Parco, 120 ettari di verde e aree archeologiche lasciate mestamente a se stesse senza cura e senza un progetto che possa valorizzarli.

O meglio, il progetto esiste, ma dopo la conclusione del primo stralcio e il fallimento della ditta vincitrice del secondo, sembra diventato una chimera.

cancello villa piscinaAppena arrivate, davanti ai cancelli, veniamo accolte da due pesanti blocchi di cemento che impediscono l’ingresso alle auto. Una misura, si legge in un comunicato di Legambiente Città Futura, resasi necessaria a seguito dei dubbi in materia di sicurezza sollevati dal Corpo di Polizia di Roma Capitale, Gruppo Casilino. Il gruppo, in una nota sottolinea che il civico 712 “non offre le sufficienti garanzie per la sicurezza sia del traffico veicolare che del traffico pedonale, visto che si trova a ridosso della intersezione stradale Via Casilina-viale della Primavera”. Una presa di posizione che risulta quanto meno sorprendente, visto che il varco non ha mai destato questo tipo di interesse, neanche in occasione di una manifestazione imponente come il Roma Vintage. Come riporta il comunicato del circolo Città Futura, in occasione dell’evento sono state registrate circa 360mila presenze senza che nessuno avanzasse dubbi sulla pericolosità dell’ingresso.

Dal primo luglio gli abituali frequentatori non possono più accedere al Parco in auto, diminuendo drasticamente le possibilità di fruizione e quindi di controllo dell’area. I blocchi hanno anche limitato le attività dei Vigili del Fuoco chiamati a domare gli incendi delle scorse settimane.

Anche i modellisti di aerei che normalmente affollavano una piccola area adiacente l’ingresso si sono visti smantellare la pista di decollo che veniva utilizzata da anni.

In questa situazione, quello che colpisce è il vuoto, l’assenza totale di persone. E quell’odore inconfondibile di brace bagnata.

resti fuoco e boiler roma vintageEntrando, non possono non essere notati i residui del lavori mai iniziati per la sistemazione del secondo lotto, come non possono non essere notati gli ultimi segni di uno degli incendi. Fra gli arbusti anneriti innegabili tracce di uno stanziamento umano: lo scheletro di una sdraio da campeggio, una caffettiera.

Passeggiando verso le aree della Villa della Piscina e della Villa Ad Duas Lauros, altre tracce degli incendi e quell’odore di cenere bagnata che non riesci più a toglierti da naso. Alessandra ci mostra i cancelli delle ville aperti e senza catena; quello della Villa Ad Duas Lauros, irrimediabilmente danneggiato. Ci racconta di sentieri nati dall’oggi al domani in mezzo ai rovi verso i due canaloni che caratterizzano l’area e che probabilmente hanno ripreso ad essere accampamenti abusivi ai quali non ci siamo accostate per ragioni di sicurezza.

Un fronte comune si sta organizzando per scongiurare l’oblio: PAC bene comune ed il Lab4PAC sono i due gruppi che stanno cercando di trovare strade che conducano, in nome della partecipazione cittadina e della valorizzazione del patrimonio naturalistico di periferia, alla riappropriazione e alla valorizzazione dell’area.

Certo è, che con il caos in Campidoglio le cose potrebbero essere più complicate del necessario, nonostante l’attuale amministrazione locale a 5Stelle abbia ben compreso l’importanza della restituzione ai cittadini del Parco Archeologico e della necessaria declinazione dei poteri di gestione centrali a livello locale.

Emanuela Martelluzzi

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/parco-archeologico-centocelle-il-silenzio-intorno-e-dentro/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.