«

»

Stampa Articolo

Municipio VI. Sfrattati Maria e Andrea, disabile di Villaggio Breda

okNella mattinata del 5 maggio Maria Curia e Andrea Cusimano hanno dovuto lasciare la loro casa. Ora si trovano in strada, senza alcuna assistenza da parte delle istituzioni. 

Su segnalazione del SIDI (Sindacato degli invalidi e dei disabili) avevamo raccontato la storia di Maria Curia e il suo compagno Andrea Cusimano,  residenti in via Casilina 1627. La coppia sotto sfratto aveva già ricevuto per varie volte la visita dell’ufficiale giudiziario che aveva rinviato lo sgombero al 5 maggio. Giorno in cui purtroppo i due hanno dovuto lasciare la loro abitazione.

Maria Curia abitava in quella casa dall’età di 8 anni: “La proprietà dell’appartamento è passata dal vecchio padrone al figlio. Mi è stato fatto scadere il precedente affitto con l’intenzione di rinnovarmelo solo a condizione di raddoppiare il canone, da 300 a oltre 600 euro. Il nuovo contratto è entrato in vigore dall’inizio del 2016, abbiamo provato a stringere i denti fino a che abbiamo potuto, ma, vivendo solo della pensione di invalidità, da Aprile 2016 non siamo più riusciti a pagare l’affitto. La prima ingiunzione di sfratto mi è arrivata a Giugno, il 27 Gennaio 2017 è arrivato l’ufficiale giudiziario per la prima volta. C’era a nostro sostegno Emergenza Sociale, ma con un ruolo più di supporto che di effettivo potere. Abbiamo anche presentato regolare domanda di alloggio popolare, dal 2012, ma senza successo”.

Come se i problemi già non bastassero, Andrea viene colpito da una trombosi cerebrale con conseguente paralisi parziale della metà sinistra del corpo, oltre a problemi di vista e all’epilessia.

“Abbiamo contattato da diversi mesi l’Assessorato alle Politiche Sociali: ad oggi però, non abbiamo ricevuto risposte né aiuti di alcun genere. Ho chiesto al nostro assistente sociale una relazione da protocollare alla richiesta di alloggio popolare, anche se poi abbiamo desistito, dal momento che non avrebbe avuto alcun valore per la nostra posizione in graduatoria”.

20170418_164202Così, nella mattinata del 5 maggio, sostenuti da alcuni volontari del SIDI e dell’ASIA -USB, hanno dovuto arrendersi e abbandonare il loro appartamento. Assenti tutti gli esponenti dell’amministrazione municipale. Assente il Campidoglio. Hanno caricato sul pulmino del SIDI quello che potevano e, insieme agli altri, si sono recati nella sede del VI Municipio. Dopo vari rimpalli, sono stati ricevuti dall’ Assessore alle Politiche Sociali Filipponi che ha però loro comunicato “di non poter fare molto in queste ore in quanto era venerdì”. Ha però promesso di impegnarsi a trovare loro un sistemazione nei giorni a venire. Certo che appare quanto mai tardivo questo intervento visto che la coppia si era già recata a chiedere aiuto nelle sedi istituzionali.

Andrea e Maria passeranno quindi il weekend nella loro macchina, per strada. Stanno valutando la proposta del SIDI di appoggiarsi momentaneamente nella struttura del sindacato a Largo Mengaroni.

Sulla vicenda hanno diramato un comunicato Dario Nanni, Fabrizio Compagnone e Gianfranco Gasparutto del gruppo consiliare del Pd: “Rimaniano allibiti dal silenzio assordante e dalla roboante incapacità da parte dei 5 stelle a trovare anche la più sacrosanta e basilare soluzione. Una vicenda che vede coinvolta una persona affetta da trombosi cerebrale, parzialmente paralizzata, che oggi ha subito lo sfratto nel silenzio e nella noncuranza dei governanti municipali e comunali del movimento 5 stelle. A nulla sono serviti gli appelli e gli incontri con l’Assessorato alle Politiche Sociali, dal Movimento 5 stelle, zero risposte. Oltre ad esprimere la nostra solidarietà a chi si trova in uno stato oggettivo di bisogno e deve rapportarsi con dei dilettanti allo sbaraglio, incapaci di dare uno straccio di risposta nei prossimi giorni – presenteremo il conto ai 5 stelle ponendo l’attenzione su alcune vicende sulle quali la loro decantata precisione e il loro sbandierato rispetto delle regole, hanno subito una strana fase di decantazione”.

Anche il gruppo municipale della Lista Marchini ha voluto esprimere il suo sostegno alla coppia: “Ancora una volta – ha commentato il consigliere Mastrangeli – questa amministrazione non da risposte ai cittadini. E ancora una volta ad essere colpite sono le fasce più deboli. Trovo vergognoso il silenzio e la paralisi amministrativa rispetto a questa triste vicenda. Tutta la mia solidarietà e il mio affetto ad Andrea e Maria”.

La coppia è stata abbandonata dalle istituzioni nonostante i diversi gridi di allarme che avevano sollevato nei mesi precedenti. Ora sembrerebbe doveroso che, anche se tardivamente, le amministrazioni municipali e comunali si attivino affinchè a queste due persone oltre che la casa non sia tolta anche la dignità.

Federica Graziani e Sebastiano Palamara

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/municipio-vi-sfrattati-maria-e-andrea-disabile-di-villaggio-breda/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.