«

»

Stampa Articolo

Mastrantonio, campagna di coraggio

Mastrantonio a Ponte di NonaIl candidato alle primarie affronta  anche le tappe meno “comode”. Ascoltati i residenti delle case Isveur e Ater di Ponte di Nona. 
Ben pochi politici si sono visti negli ultimi anni nel parco di via Raul Follereau. A dire la verità nessuno. Roberto Mastrantonio, candidato Sel alle primarie di centrosinistra del 7 aprile, organizza un incontro pubblico nel parco di via Follereau, simulacro dell’inoperosità, dell’abbandono non solo di questa ma anche delle precedenti amministrazioni. Presente all’iniziativa Giose Ferrara, presidente dell’omonima associazione. Mastrantonio, al suo arrivo, è circondato quasi sommerso dalle proteste di cittadini che vedono nell’uomo politico l’opportunista presente solo sotto elezioni. All’incontro anche Asia (Associazione Inquilini e Assegnatari) e perfino Action – Diritti in Movimento. Non c’è distanza tra lui e gli inquilini delle case del Comune, Ater e Isveur; tutti possono prenderlo da parte alla fine dell’incontro e parlargli. Gli argomenti che stanno più a cuore ai residenti di Ponte di Nona sono stati affrontati. La battaglia al degrado ambientale va in primo piano:”Di parchi abbandonati come questo ce ne sono molti altri per l’ VIII. Una delibera comunale dice che il 10% degli appalti pubblici possono essere affidati direttamente a una cooperativa sociale tipo B (per l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate, ndr). ”Questo vorrebbe dire occupazione certa, magari per molti ragazzi di Ponte di Nona. Poi l’attuale Presidente del VII punta sul nuovo ruolo dell’amministrazione delle Torri: ”Il Municipio VI (ex VIII) su molte cose non ha e non avrà competenza ma può comunque farsi parte attiva. Può interagire direttamente con l’ente che gestisce parchi o case, senza lavarsene mai le mani!”. Infine l’attacco ai servizi sociali, che in questi anni Lorenzotti ha praticamente azzerato. “Se un assistente di sostegno – dice – si occupava di un ragazzo disabile ora deve occuparsi di tre ragazzi invalidi. Molti genitori stanno tenendo i figli a casa perché senza questi aiuti non possono mandarli a scuola!”. Dopo l’incontro Mastrantonio si è trattenuto diversi minuti con i cittadini accorsi all’evento. Questa schiettezza, questa politica delle piccole cose quotidiane sta piacendo a molti.
Manuel Manchi

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/mastrantonio-campagna-di-coraggio/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.