«

»

Stampa Articolo

M5S rischia il tutto per tutto

tranchina mammiIl Vicepresidente del Municipio, Daniele Palmisano, aveva chiesto loro di ritirare la mozione. In Aula la maggioranza chiede di togliere il loro simbolo. Alla fine, nonostante l’opposizione serrata del 5 Stelle, il centrosinistra ripropone i soliti trucchetti.

Con la loro mozione, il Movimento 5 Stelle aveva battuto sul tempo la maggioranza municipale, presentando alcune proposte sul tema del gioco d’azzardo. Sarebbe stata, visti i precedenti, l’ennesima mozione alla quale il centrosinistra avrebbe votato contro o forse si sarebbe astenuta. Stavolta però le cose sono andate diversamente. Il Vicepresidente del Municipio, Daniele Palmisano, il 18 novembre, all’insaputa dei consiglieri, firma il Protocollo d’Intesa ‘Municipi senza mafie’, promosso dall’associazione antimafie daSud. Un documento che impegna vari municipi su cinque temi: appalti, corruzione, gioco d’azzardo,beni confiscati, formazione e istruzione. La maggioranza arriva in Aula con questa notizia, appena appresa. Non può votare contro, deve votarla a tutti i costi per non cadere in contraddizione. Al rifiuto del Movimento 5 Stelle di togliere il loro simbolo dalla mozione, tira fuori il coniglio dal cilindro: emendare la mozione. Una pratica che il regolamento non prevede. In Aula scoppia la bagarre. Alla fine, dopo un’estenuante lotta del 5 Stelle, la mozione viene emendata, in modo che la maggioranza possa mettere la sua firma sulla proposta. E quindi votata. Veronica Mammì e Fabio Tranchina, consiglieri del Movimento 5 Stelle commentano questo assurdo Consiglio Municipale.

Come mai avete deciso di occuparvi del tema del gioco d’azzardo?

E’ stata presentata una proposta di legge alla Camera da un nostro deputato rispetto al gioco d’azzardo. Abbiamo pensato di dare una prosecuzione a tutti i livelli istituzionali, quindi abbiamo presentato una mozione  per il Comune di Roma e una in tutti i municipi.  Abbiamo presentato questa mozione prima che venisse firmato il Protocollo d’ Intesa dal Municipio. Non poteva non essere votata dalla maggioranza.

Potete spiegarci le vostre proposte in merito?

La mozione tocca due aspetti: da una parte la questione del lucro sulle slot machine e del gioco d’azzardo lecito e illecito, dall’altra si occupa della cura e prevenzione del GAP (gioco d’azzardo patologico).

Cosa è accaduto in Aula?

Andiamo in consiglio noi avevamo la consapevolezza che questa mozione sarebbe stata votata perché non si può entrare in contraddizione rispetto al Protocollo che hai firmato. La nostra amarezza è che fino ad oggi non c’era stato nessun interesse su nessun argomento che avevamo cercato di trattare. Questa volta li abbiamo battuti sui tempi e li abbiamo portati sul tema, questa è la vittoria politica! Li abbiamo costretti a trattare il tema.  C’è stata una guerra, ci hanno chiesto prima di togliere il nostro simbolo. Del simbolo non ci interessava, ma sono mesi che ci bocciano tutto  a prescindere. Per una volta che vi incastriamo ci chiedete pure di togliere il simbolo? Così decidono di presentare gli emendamenti, ma sul regolamento non c’è scritto che una mozione si può emendare. Ammesso che si possa fare, chi è che decide se è lecito o meno chi li propone? Ci hanno risposto che si poteva emendare affinchè gli emendamenti non stravolgessero il senso della mozione.

Gli emendamenti presentati dalla maggioranza cosa proponevano?

Di occuparsi delle fasce intermedie con l’aiuto dei comitati di quartiere. Una proposta opinabile perché è necessaria una certa preparazione. Poi chiedevano di fare delle leggi sul tema, ma è inutile inserire nella mozione questa cosa perché gli organi deputati sono la Camera e il Senato. Poi chiedi di legiferare quando già si sta facendo?

Federica Graziani

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/m5s-rischia-il-tutto-per-tutto/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.