«

»

Stampa Articolo

La Terra dei Fuochi del VI Municipio

tuttoqreAbbiamo deciso di girare un documentario, in collaborazione con il QRE, per dimostrare quanto i quartieri intorno al futuro sito dell’ecodistretto siano compromessi.

Non siamo in Campania. Siamo nel VI Municipio di Roma. Quello che in cui la Regione Lazio ha certificato il maggior numero di malattie tumorali. Qui si muore, nel silenzio delle Istituzioni e dei grandi media. Si muore perché l’aria è inquinata, perché all’interno dei terreni agricoli sono stati seppelliti quintali di rifiuti tossici. Perché ci sono ancora, dopo 30 anni, discariche che aspettano di essere bonificate.

Il nostro documentario vuole denunciare con forza la sofferenza di questo territorio e dimostrare quanto sia scellerata la decisione di realizzare un ecodistretto nel sito che già ospita il Polo Ama.

Il nostro viaggio parte da Rocca Cencia, con la testimonianza dei residenti delle case popolari a due passi dallo stabilimento Ama. Siamo passati poi nei terreni sequestrati, quello in cui sono stati rinvenuti rifiuti ospedalieri e quello in cui sono stati rivenuti materiali di risulta, pneumatici, fusti e percolato.

Una piccola sosta nella ‘via della vergogna’, via Sant’Alessio in Aspromonte, una strada che è diventata uno dei luoghi in cui avvengono gli scarichi illegali. Ci siamo fatti raccontare da Noris Pivetta dell’Associazione Collina della Pace del verde scippato in barba al piano di zona e ci ha illustrato il progetto per la realizzazione di ben 5 benzinai sulla sola Rocca Cencia.

Abbiamo raccolto la drammatica testimonianza del nostro cronista David Nicodemi che ha perso sua sorella per un glioblastoma cerebrale, 6 cani per neoplasie e ora sta lottando fianco a fianco della mamma malata di leucemia.

Ci siamo poi recati a Prato Fiorito dove siamo stati accolti da Egidio Gallozzi, presidente del comitato di quartiere, che ci ha mostrato le condizioni del Fosso di Pratolungo, un corso d’acqua inquinato e pericoloso per la salute di tutti.

Abbiamo visitato la valle che ospita il Fosso dell’Osa, una meraviglia ambientale deturpata da un corso d’acqua che al suo interno ospita fusti, gomme, calcinacci, bottiglie. Siamo stati accolti dal comitato di quartiere di Caserosse e abbiamo ascoltato la denuncia di Paolo Cartasso in merito ai roghi tossici provenienti dal campo nomadi di Salone.

 Abbiamo fatto sosta nel quartiere di Osa dove Andrea De Carolis ci ha mostrato le colline di bitume. Un momento toccante la visita alla discarica di Castelverde che insiste sulla strada che i cittadini chiamano ‘la via delle vedove’ a causa dei numerosi decessi per malattie tumorali.

Altra tappa Lunghezzina dove l’Associazione Nuova Urbe ci ha illustrato la situazione dei terreni di cui uno sotto sequestro per ritrovamenti ospedalieri. Siamo andati a Colle del Sole dove siamo stati accolti dall’Associazione Cittadinanza, Servizi e Cultura Colle del Sole che hanno condiviso con noi i ricordi della loro infanzia, quando i camion dell’Ama sversavano rifiuti nei campi coltivati. Per finire il Punto Verde Qualità di Ponte di Nona, dove gli interessi hanno preso il posto dei servizi.

Un documentario che racconta una parte di Roma di cui poco si parla ma che si sta trasformando in una nuova Terra dei Fuochi. Qui l’ecodistretto non si può fare. Federica Graziani

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/la-terra-dei-fuochi-del-vi-municipio/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.