«

»

Stampa Articolo

La chiamavano “riqualificazione”

Il pacchetto di delibere in materia urbanistica disegnato dalla giunta Alemanno non fa dormire sogni tranquilli al comitato di quartiere Tor Bella Monaca.

In consiglio comunale se n’è già cominciato a parlare e le proposte sono passate al vaglio della giunta e delle commissioni. La pioggia di cubature e cemento potrebbe diventare realtà prima della fine della carica al Campidoglio. Il progetto prevede, tra le altre cose, ondate di cemento alla Romanina e all’ex Velodromo all’Eur, vendita di mercati rionali da parte del Comune a imprese private, e la tanto decantata “riqualificazione” di Tor Bella Monaca. il rischio è di veder abbattere le torri per costruire nuovi comprensori, non solo per gli assegnatari, ma soprattutto per i nuovi privati. In pratica da meno di 25mila abitanti si potrebbe arrivare ad oltre 40mila in un solo quartiere. Un controsenso pesante in una città dove si contano

Maria Vittoria Molinari

Maria Vittoria Molinari

almeno 200mila case sfitte (secondo Legambiente). Nella sede storica del Comitato di Quartiere di Tor Bella Monaca, in via dell’Archeologia 55 da trent’anni, le opinioni sono di forte dissenso al progetto. Il motivo principale? Tutti pensano che sarebbe meglio costruire nuove case popolari piuttosto che distruggere e ricostruire daccapo. Maria Vittoria Molinari,presidente del CdQ spiega:”Alemanno ci fa passare una riqualificazione edilizia del quartiere per una riqualificazione sociale, e non c’è niente di più sbagliato e pericoloso. Bisogna far capire a tutti i cittadini che il pericolo è reale per tutti, non solo per quelli che erano a Piazza Vittorio a manifestare per il diritto all’abitare il 19 gennaio. Il potere andrà ancor più in mano alle banche e al capitale”. In pratica al consiglio di amministratori delegati, imprenditori e top manager ai quali Alemanno ha presentato il suo discutibile programma. “Per questi motivi insieme all’USB – Unione Sindacale di Base – organizziamo uno sportello con sede a via Giolitti (Consiglio Metropolitano) che unisce temi sul lavoro, il problema della casa e Comitati di Scopo e di Quartiere, per dare occasione ai cittadini di aprirsi al confronto”. Intanto sullo sfondo un Sindaco crede che costruendo piazze e “centri di aggregazione” a Tor Bella Monaca spariranno spacciatori e trafficanti.

Manuel Manchi

 

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/la-chiamavano-riqualificazione/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.