«

»

Stampa Articolo

Isveur Torre Maura: “Si stava meglio quando si stava peggio!”

Da sinistra a destra Michelangelo Calimera, Guido  Luttazzi, Lucia Zenni e Angela BaroneSuccede in via dell’Usignolo. Da quando non c’è più la Romeo, spesso criticata, a manutenere le case popolari, il Comune ha abbandonato gli inquilini. “Decine e decine di chiamate, tutti inascoltate. Non ci arriva nemmeno l’affitto!”.

È caos a Torre Maura fronte case Isveur. Da quando la Romeo Gestioni SpA – delegata da Roma Capitale per la manutenzione delle popolari – ha visto scadere la propria proroga, i residenti non sanno più “dove sbattere la testa”. Un vero paradosso, visto che la stessa Romeo era stata più volte criticata dagli inquilini per la lentezza degli interventi manutentivi. Spiega il disagio il Vicepresidente del Comitato Inquilini Isveur, Michelangelo Calimera: “Mesi fa (ottobre 2014, ndr) ci è arrivata, assieme alle bollette con l’affitto, una lettera del Comune che ci invitava a chiamare un numero unico per la segnalazione dei problemi alle abitazioni. Ogni volta che abbiamo segnalato una criticità però, l’operatore di turno si è sempre limitato a passare il caso al Dipartimento Patrimonio, assegnandoci il relativo numero di protocollo”. Uno dei malcapitati è Guido Luttazzi, residente in via dell’Usignolo 103: “Ho chiamato il 5 di aprile per porre all’attenzione del Comune la luce del lucernario della scala H, da tempo guasta. Mi hanno dato il numero protocollo 5760, da allora non si è fatto vedere nessuno!”.

Perdita d'acqua al civico 103Alla scala accanto la situazione per settimane è stata anchepiù grave, come spiega la residente Lucia Zenni: “Ho chiamato il numero unico (0664936800, ndr) per diversi problemi. Il più grave è quello della tubatura al piano terra, che da quando si è rotta ha inondato l’ingresso della nostra palazzina. Preoccupanti le conseguenze: umidità, moscerini e zanzare hanno infestato gli appartamenti ai primi piani. Mi hanno ‘affibbiato’ due numeri protocollo, 5831 e 5833, a cui però non è mai seguito un intervento”. Questo fino al 7 maggio, quando Angela Barone, Presidente Comitato Inquilini Isveur, ha esposto il problema direttamente nella sede del Dipartimento Patrimonio di via della Moletta, Garbatella. Il giorno dopo, non a caso, una squadra di Roma Capitale ha risolto il guasto eliminando le perdite. Continua la stessa Barone: “Possibile che per ogni problema dovremo recarci direttamente al Dipartimento? Noi come Comitato esprimiamo la nostra solidarietà agli ex operai della Romeo che ora sono a casa, senza lavoro, in attesa di notizie dal Comune”.

Via dell'Usignolo case popolariNon arrivano gli affitti. Ad acuire l’esasperazione degli inquilini delle popolari anche il mancato recapito per posta degli affitti e delle bollette da pagare mensilmente. Continua Calimera: “Da due mesi non arriva più nulla. L’amministrazione colpevolmente fa pagare a tutti la stessa quota per l’acqua (28 euro, ndr), senza che nessuno venga a guardare il contatore. Ma il problema è che in molti si lamentano per l’evenienza che arrivi presto un conguaglio di 5 o 6 mesi da pagare”. In questo modo il Comune darebbe adito a chi, se pur residente da anni nelle popolari, cerca scuse per non pagare affitto o bollette. Di disservizio in disservizio, tutti sono uniti nell’esclamare un vecchio adagio: “Si stava meglio quando si stava peggio!”. Manuel Manchi

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/isveur-torre-maura-si-stava-meglio-quando-si-stava-peggio/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.