«

»

Stampa Articolo

Isveur Giardinetti e quel cantiere infinito

cantiere a cielo apertoDal 2010 gli abitanti delle case popolari di Giardinetti sono costretti a vivere con un cantiere aperto nel giardino condominiale. I lavori non sono mai stati ultimati. I residenti continuano a denunciare la pericolosità.

“Abitiamo qui dal ‘77, tutta la manutenzione del giardino la facciamo da noi”. Mentre racconta, c’è da scommettere che Roberto Canali, abitante di via dei Romagnoli, quel cantiere aperto lo sposterebbe anche da sé. Se avesse i mezzi per farlo. All’interno del complesso popolare Isveur di Giardinetti alcuni lavori per la manutenzione non sono mai stati ultimati. Ma nessuno si è mai preso la briga di rimuovere la grande area in cui macchinari, impianti e attrezzature erano stati appoggiati.  Cominciamo dall’inizio. È il 2010, per la precisione settembre. La Romeo fa partire i lavori di manutenzione. Arriva l’ordine: sistemare la facciata delle palazzine, allacciare alcuni tubi all’impianto fognario, sostituire l’impianto di illuminazione, sistemare le aree di parcheggio, potare gli alberi. Così il grande cantiere a cielo aperto viene installato, con l’obiettivo che, a fine lavori, sia rimosso. Come accade normalmente. Ma a distanza di un anno, i fondi finiscono e i lavori si bloccano. E non riprendono più. Quando scriviamo l’articolo siamo a marzo 2013 e, nonostante le ripetute denunce degli abitanti, il cantiere è ancora nel giardino delle case popolari. “Negli anni è successo di tutto” continua Canali. “Si è trasformato in una discarica, altri cantieri sono venuti a scaricare spesso i loro materiali qui. Poi qualcuno è tornato e si è caricato quello che di buono c’era da portare via”. Il pericolo però rimane. Ed è grande. I bambini non possono giocare liberamente nel cortile. La centralina elettrica ha preso fuoco diverse volte, alcuni tubi perdono ancora acqua. Eppure molti cittadini si sono quasi abituati. Spesso intimoriti, hanno paura di protestare. “Io ho avuto l’ultimo battibecco con Lorenzotti prima delle Regionali. Romeo e amministrazione fanno scarica barile”. Secondo Canali gli inquilini non parlano per paura di possibili ritorsioni da parte della Romeo. “Hanno paura di essere cacciati”. La novità dell’ultimo mese è l’occupazione. Qualcuno ha trasformato la disgrazia di questo lembo di terra in un’opportunità. E ha deciso di trasformare quel che resta di un container del cantiere in una casa. L’ Assessore con delega al patrimonio Erp Mario Brunetti fa sapere che non spetta a lui. “Non ne sono a conoscenza. C’è la possibilità che dipenda dall’Ater”. Certo che un membro della Giunta, dopo tre anni di denunce, si mostri così meravigliato e a digiuno di informazioni, non convince.

Silvio Galeano

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/isveur-giardinetti-e-quel-cantiere-infinito/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.