«

Stampa Articolo

Finocchio. Il centro anziani presenta un esposto contro il consigliere M5S Colella

il-centro-anziani-pierino-emiliGiancarlo Colella, presidente della commissione Patrimonio del Municipio VI, si sarebbe presentato il 10 febbraio al centro anziani accusando: “Siete la rovina dei vostri figli e dei vostri nipoti”.

La storia comincia con l’inizio della consiliatura Cinque Stelle. Sopralluoghi e tavoli, tavoli e sopralluoghi, tutti mirando a un unico obiettivo: rimuovere dalla Collina della Pace il centro anziani di Finocchio, per rispedirlo nel vecchio centro di via Massa Silani.

La prima mossa fu quella di approvare una delibera per annullarne una precedente. Scipioni aveva infatti assegnato il casaletto di Collina della Pace al centro anziani, portando a termine un percorso iniziato già da Alemanno. Appena insediati, i Cinque Stelle hanno sposato la tesi per cui sulla Collina non poteva esserci il centro anziani, facendo appello alla delibera di Veltroni che prevedeva per il casaletto uno spazio aperto a tutte le età: il famoso spazio “Zero-99”.

Con una delibera il M5S aveva dunque annullato quella di Scipioni, cacciando formalmente gli anziani. Allo stesso tempo, tuttavia, i Servizi Sociali del Municipio dichiaravano in Consiglio, per mezzo dell’Assessore Filipponi, che non sarebbe stato accettato il trasferimento in via Massa Silani fino a che non si fossero eseguiti i lavori di ristrutturazione.

Detto fatto. I lavori iniziarono a breve, con circa 80mila euro di fondi stanziati e utilizzati. Gli anziani di risposta presentarono ricorso al Tar del Lazio, il quale però aveva rigettato la domanda. Il Presidente del Municipio, Roberto Romanella, forte del rigetto del Tar, felicemente puntava il dito: “Risulta a questo punto chiara l’illegittima occupazione a tutt’oggi perpetrata da un ristretto gruppo di cittadini”.

I festeggiamenti però durarono poco. Complice fu una lettera spedita al presidente del Centro Anziani, Franco Grimolizzi, nella quale si intimava lo sgombero entro 15 giorni. Era il 17 gennaio scorso, e di lì a breve gli anziani si radunarono ancora una volta per invocare il Consiglio di Stato, scavalcando la decisione del Tar. Il Consiglio di Stato a maggio diede ragione agli anziani, e la delibera dei Cinque Stelle sospesa. Ma intanto erano stati spesi gli 80mila euro per i lavori di via Massa Silani.

Il Consiglio di Stato era stato convinto dall’avvocato del centro anziani grazie a “un’arma segreta”: i locali di via Massa Silani erano, e sono, privi di agibilità. In pratica il Movimento Cinque Stelle aveva fatto partire i lavori e li aveva portati a compimento senza curarsi dell’agibilità, certificazione necessaria per un locale a essere usufruito. 80mila euro buttati.

colellaIn questa storia si inserisce allora uno dei protagonisti: Giancarlo Colella, Presidente della Commissione Patrimonio del Municipio VI. Il presidente del centro anziani, Franco Grimolizzi, inoltra un esposto presso il comando stazione Carabinieri di Tor Bella Monaca nei confronti di Colella. “Sabato 10 febbraio 2018 alle ore 13:15 – si legge nelle premesse – dopo che gli iscritti lasciavano la sede di via Bompietro dopo aver trascorso la mattinata al centro, si presentava il Consigliere del Municipio VI di Roma Capitale Giancarlo Colella”.

Il signor Grimolizzi dichiara anche la presenza del vicepresidente del centro anziani, Carmela Moccia, e di due altri iscritti: Maria Luisa Nardone e Angelo Colagrossi. In tutto quattro, dunque, e tutti e quattro recano la propria firma sull’esposto.

“Prima di fare ingresso nella sede il consigliere Colella scatta dall’esterno alcune foto”, si continua a leggere nell’esposto. Poi entra. E nell’entrare avrebbe detto ai presenti: “Dovete andare via perché non avete le carte in regola e avete creato un covo politico, siete la rovina dei vostri figli e dei vostri nipoti, ci avete fatto spendere 80mila euro di lavori in via Massa Silani, verrò io di persona con la polizia a cacciarvi via anzi farò di più chiuderò il centro anziani a Finocchio”.

Accuse forti e dichiarazioni pesanti. A lui risponde Maria Luisa Nardone, una signora invalida con deambulatore. “Io ho difficoltà a stare in piedi – racconta la signora – e quando il consigliere aveva terminato di parlare ho provato ad alzarmi. Allora mi ha puntato l’indice sulla spalla e battendomelo sopra mi ha fatto ricadere sul deambulatore”.

Nell’esposto si leggono ancora le minacce che Colella avrebbe indirizzato ai quattro anziani presenti: “Bravi, bravi, dovete andare via. Vi butterò fuori personalmente con la forza e farò chiudere il centro anziani a Finocchio”.

Infine l’ultima accusa contro gli anziani che mette in mezzo addirittura la mafia: “L’assegnazione che abbiamo avuto è stato frutto mafioso”. Alla quale risponde la signora Carmela Moccia, con una stoccata al vetriolo: “Anche quello che volete fare voi è mafioso”.

L’esposto presentato il 10 febbraio scorso è molto chiaro e non lascia spazio alle interpretazioni. Gli sviluppi si avranno nelle sedi opportune se i quattro anziani vorranno proseguire l’azione legale. C’è da segnalare, tuttavia che, quattro giorni dopo, il 14 febbraio, sempre il consigliere Colella si era reso protagonista nella Commissione Trasparenza. Qui venivano esaminati gli incartamenti che avrebbero poi portato allo sfratto dell’associazione Hermes da Torre Spaccata, formata da genitori e parenti di ragazzi con disabilità. A commissione sospesa volano spintoni tra il consigliere Colella e Salvatore Memeo, uno dei genitori dell’associazione. Non è chiaro chi abbia iniziato, sta di fatto che dopo pochi istanti entrambi si ritrovarono a terra uno sopra l’altro.

Purtroppo ci è stato possibile mettere le mani su questo esposto soltanto ora, a distanza di alcuni mesi. Ne esce un quadro fortemente compromesso per il consigliere Colella, il quale dovrà rispondere nelle sedi opportune. Flavio Quintilli

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/finocchio-il-centro-anziani-presenta-un-esposto-contro-il-consigliere-m5s-colella/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.