«

»

Stampa Articolo

Elezioni Roma. Renzi punta su Giachetti, SEL su Fassina

AULA_GIULIO_CESARE_d0A promuovere la candidatura del Vicepresidente della Camera è stato il Premier Renzi . “Conosce Roma, è romano e romanista”.

I pessimisti, quelli che avrebbero puntato tutto contro l’ipotesi elezioni a Roma dovranno ricredersi. Sembra che le elezioni ci saranno. Finite le feste è iniziato il balletto del totocandidati. Tra i nomi più illustri quello di Roberto Giachetti, renziano, vicepresidente alla Camera, proposto dal Premier ai microfoni di Repubblica.TV. “Decideranno le primarie, certo Giachetti è uno di quelli che conosce Roma come pochi altri, ha fatto anche il capo di gabinetto. E’ un romano e romanista, vedrà se candidarsi”.

Roberto-GiachettiGiachetti ha annunciato ufficialmente la sua candidatura il 15 gennaio. Pronto a scendere in campo nelle primarie del centrosinistra che si terranno il 6 marzo. Proveniente dai Radicali, Giachetti, 55 anni, è stato un esponente della Giunta Rutelli a Roma, rivestendo il ruolo di Capo della segreteria del Sindaco fino al 2011. Un percorso che lo ha portato ad aderire alla Margherita, con l’incarico di coordinatore romano. Eletto nel 2001 come deputato nell’Ulivo di Prodi e nel 2008 con il Pd, è stato segretario dell’Aula. Dal 21 marzo 2013 è stato nominato vicepresidente della Camera dei Deputati. La scelta di Giachetti non è piaciuta a molte componenti interne al Pd che hanno visto nell’investitura di Renzi un nuovo atto di imperio. Tra questi Gianni Cuperlo che ha rilanciato sul nome del senatore Walter Tocci, una candidatura che sarebbe più gradita alla parte del Pd più a sinistra. Lo stesso Cuperlo propone un’aggregazione civica, rinunciando al simbolo del Partito. Matteo Orfini, come impone il suo ruolo politico, invece crede cha la scelta di Giachetti sia giusta “per tornare a vincere”. A preoccupare, non poco, la componente renziana è lo scarso radicamento a Roma del gruppo. Molto più solidi e con una storia politica romana alle spalle i dalemiani, veltroniani e bettiniani che potrebbero rappresentare un’alternativa più sicura per le elezioni comunali del 2016.

Il nome di Giachetti ha portato Sel ad un repentino dietrofront. E’ Paolo Cento a bocciare il nome del vicepresidente della Camera e un candidato sindaco in quota Pd: “E’ una persona stimabile ma la sua candidatura è tutta dentro il campo del Pd renziano. Noi partendo dalla candidatura di Fassina vogliamo parlare di contenuti. Se sarà Giachetti il candidato ci confronteremo nel merito dei progetti a partire dalla candidatura di Stefano Fassina. Il Pd a Roma salti un giro! In questi giorni si sono moltiplicati gli appelli all’unità del centrosinistra a Roma. Ma perché il problema viene scaricato sulla sinistra? Nel 2008 la città viene consegnata alla destra perché Veltroni del Pd si dimette all’improvviso da sindaco per fare il leader nazionale, far cadere Prodi e perdere contro Berlusconi. Nel 2015 il Pd va dal notaio e chiude la vicenda del sindaco Marino. Insomma sfasciano tutto e ora ci chiedono unità. Non basta: Renzi candida Giachetti a sindaco di Roma e ricorda tra i suoi meriti lo sciopero della fame per l’Italicum cioè la legge contro le coalizioni.Io voglio vincere a Roma: il Pd che vuol fare? Vogliamo discutere dei problemi veri della città. Le primarie a che servono senza idee e progetti per Roma?”. 

Fassina-1Proprio Fassina è lanciatissimo nella sua campagna elettorale. Con una scelta significativa: quella delle periferie. Proprio il suo comitato ha sede a Torpignattara e sta girando i quartieri delle zone periferiche di Roma. Si è fatto vedere anche alla manifestazione contro il pedaggio a Ponte di Nona. “Una scelta di campo – spiega- perché vogliamo riprendere il discorso interrotto con questa città partendo proprio da quelle periferie per troppo tempo dimenticate”. Fassina ha già iniziato con la sua campagna di ascolto per i municipi denominata ‘Ascoltiamo Roma’. Tra i punti del suo programma si leggono “Legalità e assetto amministrativo; Risorse economiche e finanziarie; Sviluppo sostenibile; Welfare e Sicurezza; Servizi di rete per i cittadini e le imprese; Consumo di suolo zero e riqualificazione delle periferie; Partecipazione dei cittadini”.

Rispetto al tema delle prima Stefano Fassina ha diramato una lettera aperta durissima contro il Pd: “Continuo a essere sostenitore delle primarie. Sono non soltanto disponibile ma interessato e sollecitatore di primarie in un quadro programmatico condiviso. Ma le primarie sono uno strumento utile a scegliere chi meglio interpreta lo stesso programma fondamentale, condizione necessaria per una coalizione. Le primarie non sono lo strumento per scegliere tra programmi alternativi. La scelta tra programmi alternativi avviene alle elezioni. Qual è il programma del Pd per Roma? Finora, la discussione è stata autoreferenziale e astratta. Si insiste sull’alleanza con il Pd nella completa assenza di indicazioni programmatiche da parte del Pd. Noi abbiamo messo in campo un progetto in radicale discontinuità anche con il “Modello Roma”, un compromesso al ribasso con gli interessi più forti della città celebrato oltre i suoi meriti. Roma, già prima dei disastrosi effetti della Amministrazione Alemanno, era la città con un livello di disuguaglianza tra i più elevati in Italia. Noi vogliamo riportare la regolazione pubblica al servizio del bene comune dopo anni di dominio degli interessi privati. A Roma, la fine traumatica del centrosinistra è avvenuta senza che una sola voce critica si sia levata da coloro che ora invocano l’unità del centro sinistra. A Roma, il Pd non ha autonomia. Non è una condizione del passato. È il presente e, almeno fino alle elezioni, è il futuro”.

Inizia la sfida elettorale, in attesa che anche il centrodestra scopra le sue carte. Federica Graziani

 

 

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/elezioni-roma-renzi-punta-su-giachetti-sel-su-fassina/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.