«

»

Stampa Articolo

Corcolle riparte da Pierluigi Iacone

nuovo cdqE’ lui il nuovo presidente del Comitato di quartiere. Alla nomina del Presidente si dimettono subito due membri: Piccirilli e Germinario.

Corcolle ha un nuovo comitato di quartiere. Le votazioni si sono svolte domenica 30 novembre presso la parrocchia di San Michele Arcangelo dalle 9 alle 19. Ventotto i candidati, record per il quartiere, con un’ affluenza cittadina di 393 votanti. Alle 19 e 30 è iniziato lo scrutinio, che ha iaconevisto come mattatore assoluto Antonio Piccirilli, detto “baffone”, con ben 90 voti, seguito da Pierluigi Iacone,56 voti, Alessandra Scozzi,42, Antonio Germinario,39, il giovane Mirko Scaletta con 30 per chiudere con i 25 di Emilio Tora. Sono stati loro i candidati con più preferenze. Per le votazioni delle cariche bisogna attendere però qualche minuto: al seggio risultano 402 votanti e 393 preferenze espresse. Bisogna ricontare le schede. Un certosino lavoro di gruppo e il problema è risolto, semplice errore di calcolo. Il presidente uscente Danilo Proietti legge lo statuto, i nuovi consiglieri possono votare: per la carica di presidente si candidano i più votati, Iacone e Piccirilli. A spuntarla è Iacone, che supera di 7 preferenze l’avversario. Il nuovo presidente è lui. Le altre cariche vedono una singola candidatura a testa e il quadro può delinearsi, tutto al femminile: il vice presidente è Marcella Palumbo, salita fra i consiglieri con 17 voti, Lucrezia De Masi, consigliera con 13 voti, sarà la nuova cassiera, mentre Alessandra Scozzi, unica consigliera reduce dal precedente comitato, fa sua la segreteria di quello nuovo. Subito momenti concitati per il nuovo comitato. Proietti chiede a Piccirilli se abbia intenzione di candidarsi per altre cariche. La risposta spiazza tutti: ”No! Mi dimetto questa sera da questo comitato, non accetto queste buffonate! C’era un accordo nella “maggioranza”, sarebbe dovuto diventare presidente il candidato più votato”. Piccirilli cerca più volte di interpellare il nuovo presidente Iacone. Gli animi si scaldano. Germinario fa l’eco a Piccirilli e rassegna anche le sue dimissioni. Proietti è costretto ad alzare la voce e ricorda ai due dimissionari che lo statuto vige al di sopra di qualsiasi accordo, il presidente viene eletto dai nuovi consiglieri. Alla fine prevale il buon senso, la situazione si stempera e il nuovo comitato può finalmente essere ufficializzato. Partono festeggiamenti e foto di rito, poi il neo presidente traccia subito le linee guida del nuovo comitato:”Ripartiamo da dove ha finito il precedente comitato – esordisce Iacone – loro hanno fatto tante cose buone e noi vogliamo proseguire sulla stessa scia. Nell’immediato cercheremo di intervenire sulle questioni di maggiore urgenza, quali fognature, allagamenti, prostituzione dilagante e proveremo a dare un maggior decoro al quartiere con iniziative su e per la borgata” conclude il nuovo presidente. Un colloquio fuori dall’aula adibita allo scrutinio permette il chiarimento tra i candidati forti, le polemiche vengono stemperate, per il bene di un quartiere che oggi più che mai ha bisogno di coesione e unità d’intenti. Matteo Muoio

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/corcolle-riparte-da-pierluigi-iacone/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.