«

»

Stampa Articolo

Corcolle, le strade sono un colabrodo

066A Roma circolano più di 700 auto ogni 1000 abitanti, record europeo, eppure a Corcolle e a Giardini di Corcolle si è asfaltata qualche strada solo in occasione delle tornate elettorali.

Quando qualche anno  fa fu chiusa via Sant’Elpidio a Mare, a causa dell’ennesimo allagamento e delle voragini che si erano formate, per una settimana non passò nemmeno l’unica linea dell’Atac presente nel quartiere, il 508,  perché sull’altra strada di accesso, via Matelica, c’era il divieto di transito per i mezzi pesanti. Ma le difficoltà per entrare ed uscire dal quartiere non sono una novità per gli abitanti della zona.

Non poche volte via Polense e via Cantiano, oltre a via Sant’Elpidio a Mare, diventano impraticabili, soprattutto a causa delle piogge e delle conseguenti mega-buche. Nella parte orientale del quartiere che va da via Frontone e via Petriolo fino a via Maiolo, ci sono stati frequenti problemi idrogeologici: le strade si allagano spesso di acqua e fango, e si sono già verificati diversi crolli di mura; nella parte del quartiere vicina al fiume Aniene, invece, in passato è stato necessario addirittura l’intervento della Protezione Civile.

Queste esperienze però, non hanno modificato o migliorato alcunché, dal momento che le strade sono ancora distrutte, il marciapiede di via Polense in alcuni punti è impraticabile e la maggior parte dei fossi e dei tombini sono otturati dai rifiuti. Andrea, un ventenne residente da sempre in via Spinetoli (strada il cui manto stradale è semidistrutto),  ci ha descritto brevemente lo scenario post bellico che incontra nella passeggiata giornaliera col suo cane: “Via Ostravetere, via Polverigi, via Castel di Lama, la stessa via Spinetoli dove abito, sono un disastro. E’ un peccato perché nel quartiere ci sarebbe anche un po’ di verde, ma la condizione delle strade è una vergogna. Brecciolino come se piovesse, asfalto divelto, in alcuni tratti è proprio impossibile camminare”.

Il signor Mauro, pensionato residente in via Castel di Lama, sta accompagnando a casa il nipotino appena uscito da scuola, nella centrale via Sant’Elpidio a Mare. Ci mostra, più che una buca, una sorta di mini-burrone al centro della strada: “Ormai non abbiamo più fiducia nelle istituzioni, in nessuno. E’ comunque assurdo pensare che al Comune costerebbe di meno riparare queste strade, invece che pagare i danni a chi inevitabilmente si fa male”. Sebastiano Palamara

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/corcolle-le-strade-sono-un-colabrodo/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.