«

»

Stampa Articolo

Consorzi di Autorecupero: “Roma all’88esimo posto, con noi si può ripartire”

aaaContinua la protesta dei consorzi di autorecupero e riqualificazione di Roma. Dopo l’assemblea generale del 23 novembre chiedono ai consiglieri capitolini che le promesse siano mantenute e lanciano una provocazione all’Amministrazione Capitolina: “Non sarà che per non mettere in difficoltà i grandi costruttori romani, non viene favorita la riqualificazione delle periferie?”.

Roma, secondo la ricerca dell’Università La Sapienza sulla qualità di vita nelle città,  è scesa all’ 88esimo posto. A farle ottenere questa triste posizione è la mancanza di servizi pubblici. 

Tuona il Coordinamento Unitario dei Consorzi di Autorecupero e Riqualificazione di Roma: “Con noi la città potrebbe ripartire – commentano - Sono pronti per essere spesi per opere pubbliche 39 milioni, di cui si aspetta l’approvazione dei progetti, da parte degli uffici comunali, da almeno due anni.  Ben 740 milioni per il completamento delle opere di urbanizzazione, come strade, illuminazione, rete fognarie, oltre che servizi pubblici come scuole e centri polifunzionali, si renderebbero poi disponibili con la definitiva approvazione dei Piani di Recupero UrbanoToponimi”, giacenti da più di dieci anni sui tavoli di Comune e Regione; ed 800 milioni, sempre destinati alle opere pubbliche, è quanto il Comune di Roma potrebbe incassare con la definizione delle oltre 210,000 domande di condono ancora inevase”.

Il Coordinamento dei consorzi di autorecupero e riqualificazione di Roma lancia poi una provocazione alla maggioranza capitolina: Non sarà che per non mettere in difficoltà i grandi costruttori romani, non viene favorita la riqualificazione delle periferie?”.

All’assemblea generale del 23 novembre i consorzi aspettavano l’Assessore Capitolino all’Urbanistica Paolo Berdini per ottenere risposte, ma lui non si è presentato e non ha nemmeno comunicato la sua assenza.

Per la maggioranza pentastellata, si è presentata Donatella Iorio, Presidente della Commissione Capitolina Urbanistica: “Nell’Assemblea generale del 23 novembre scorso – spiega il Coordinamento Unitario dei Consorzi di Autorecupero e Riqualificazione - hanno partecipato più di 700 persone e dove era presente l’Assessore Regionale Michele Civita, mentre era assente l’Assessore Comunale Paolo Berdini, sono stati presi specifici impegni da parte di altri rappresentanti capitolini: la Presidente della Commissione Urbanistica di Roma Capitale, Donatella Iorio, ha promesso di convocare a breve una commissione per discutere sulla definitiva approvazione dei Piani di Riqualificazione Urbana “Toponimi” già adottati , mentre i Consiglieri capitolini di opposizione si sono impegnati a richiedere un consiglio straordinario per supportare le istanze dei consorzi. Restiamo in attesa che dalle parole si passi ai fatti, anche da parte dell’Assessore all’Urbanistica del Comune di Roma”.

IMG-20161123-WA0004In seguito a quella assemblea sono seguiti una serie di comunicati stampa da parte dei consiglieri capitolini. Donatella Iorio ha promesso che “ci occuperemo di tutto quello che gravita attorno ai consorzi, di tutte le opere a scomputo fino ad arrivare ai toponimi. L’intenzione è quella di occuparci al più presto in commissione di questi temi e di accettare, molto volentieri, le proposte anche da parte dei cittadini e dei consorzi che poi valuteremo. Adesso abbiamo delle settimane intense perché siamo concentrati sul bilancio ma sicuramente calendarizzeremo il prima possibile il tema dei toponimi: ho già chiesto agli uffici competenti una relazione al riguardo e appena sarà disponibile ci organizzeremo per convocare le sedute di commissione sul tema. Sicuramente siamo disponibili a fare la nostra parte e collaborare con la Regione Lazio per quello che ci compete”. Sottolineando nel suo intervento all’assemblea che “parla a nome del Movimento 5 Stelle e non dell’Assessore Berdini”.

pelonzi

Il Consigliere Pd Giulio Pelonzi ha promesso di richiedere un consiglio straordinario “affinché rimanga agli atti la questione e in cui chiederemo all’amministrazione Raggi di spiegarci come vuole intervenire e che cosa vuole fare per il futuro”. In merito ala questione dei toponimi ha aggiunto: “Questi piani vanno portati uno per uno in commissione urbanistica e ci si arriva soltanto con una delibera di consiglio straordinario. Ammettendo le colpe del passato ora non siamo noi al governo della città e quindi va fatto questo: consiglio straordinario e piani all’analisi della commissione urbanistica”.

vvvvAll’assemblea era presente anche la Regione Lazio con l’Assessore all’Urbanistica Michele Civita: “Entro l’anno approveremo 4 toponimi che si aggiungono ai 2 già approvati. Per gli altri la Regione Lazio ha già messo in atto le procedure per le verifiche ambientali, ma serve la collaborazione del Comune di Roma (l’iter approvativo coinvolge entrambe le Amministrazioni) con il quale per ora non si è aperto alcun dialogo su questi temi. Gli uffici Comunali sono fermi in attesa di un indirizzo politico”.

Il comunicato stampa del Coordinamento dei consorzi di autorecupero e riqualificazione di Roma viene diramato il 30 novembre proprio lo stesso giorno in cui Berdini, nel suo intervento davanti all’assemblea annuale dell’Acer, dichiara:  ”Visto che ormai sono abituato a ragionare sulle risorse di governo, fatemi dire qualcosa su questo. Milano ora va abbastanza di moda come esempio, ma ha avuto 1,5 miliardi di contributi pubblici per costruire l’Expo, poi con il patto per Milano il governo ha dato un altro miliardo e mezzo. Se io avessi 3 miliardi, più o meno quanti erano in programma per le Olimpiadi, questa città cambierebbe molto”.

Ovviamente le dichiarazioni dell’Assessore vanno lette come una frecciata al Movimento 5 Stelle con il quale negli ultimi tempi non corre buon sangue, ma volendolo parlare concretamente delle risorse perdute a causa della non partecipazione alle Olimpiadi sarebbero a disposizione quelle dei consorzi. Allora perchè non utilizzarle?

Federica Graziani

 

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/consorzi-di-autorecupero-roma-all88esimo-posto-con-noi-si-puo-ripartire/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.