«

»

Stampa Articolo

Conflitti di ‘interessi’ nel Pd

Nel Municipio delle Torri sono molti i casi in cui si nota un palese conflitto di interessi per molti rappresentanti del Pd del Municipio delle Torri. Comitati, consorzi, cariche politiche e posti di lavoro.

“Si verifica un conflitto di interessi quando viene affidata un’alta responsabilità decisionale ad un soggetto che abbia interessi personali o professionali in conflitto con l’imparzialità richiesta da tale responsabilità, che può venire meno visti i propri interessi in causa”. E’ notizia fresca che dal circolo del versante prenestino saranno candidati alle prossime elezioni amministrative Franco Boccia, Presidente del Consorzio Colle Monfortani, Daniela Ferdinandi, membro del comitato di quartiere di Castelverde, presidente del comitato No discarica, e Danilo Proietti, presidente del comitato di quartiere di Corcolle. In tempi non sospetti avevamo già anticipato queste tre candidature. Era in corso la battaglia contro la discarica a Corcolle e si era formato il Movimento No discarica, di cui il rappresentante era Riccardo Pulcinelli, segretario del circolo Pd del versante prenestino e futuro, forse, assessore al Municipio. All’interno del Movimento erano presenti moltissimi rappresentanti del Pd, tra cui Boccia e Ferdinandi. Scoperto da noi il trucchetto del Movimento “apolitico”, Pulcinelli si fece da parte e continuarono gli altri due. Anche per Proietti il futuro era già segnato: dipendente presso lo studio tecnico di Bruno Pulcinelli, iscritto al circolo del Pd versante prenestino, si candida, guarda un po’, alle elezioni del comitato di quartiere e diventa presidente. La Ferdinandi e Boccia non sono nuovi alle elezioni amministrative, anzi possiamo dire che sono vecchissimi. Sono solo tre dei tanti casi di conflitto di interessi all’interno del Pd locale. E’ una pratica ormai ben radicata nel Pd quella di inserirsi all’interno di realtà civiche e sfruttarle per un vantaggio politico e elettorale. Partiamo proprio da Bruno Pulcinelli, titolare di uno studio tecnico è il responsabile dell’urbanistica del Pd VI (ex VIII). Poi c’è Doriana Mastropietro, presidente del consorzio di Prato Fiorito, presidente della cooperativa che aveva in gestione fino all’anno scorso il Parco dell’Acqua e del Vino, affidatole presumibilmente quando era consigliera, e poi presidente dell’Assemblea del Pd locale. Se vogliamo guardare più in alto troviamo Luciano Bucheri, presidente dei consorzi di Roma, membro del Pd locale. Non mancano anche i casi tra i nostri consiglieri: Scorzoni è consigliere municipale e membro della commissione urbanistica,  nello stesso municipio in cui lavora sua moglie come vigilessa all’ufficio urbanistica. Lo stesso dicasi per il consigliere Grasso, che è consigliere e membro della commissione sociale, nonostante la sua compagna lavori come assistente sociale nello stesso municipio. Per quanto riguarda Alveti, ci ha pensato lo stesso Pd a far cessare il conflitto di interessi, allontanando la moglie che lavorava al Personale. Il verificarsi di un conflitto di interessi non costituisce di per sé la prova che siano state commesse scorrettezze, ma, visto che l’etica e la morale sono due cavalli di battaglia del Pd, sarebbe il caso che, oltre a predicare bene, si razzolasse allo stesso modo.

Federica Graziani

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/conflitti-di-interessi-nel-pd/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.