«

»

Stampa Articolo

Colle Monfortani. Si attende la proposta della Chiesa

okkupa21Per quasi una settimana hanno “fatto muro” all’annunciato sgombero dello stabile di proprietà dei Padri Monfortani occupato dall’8 dicembre. L’intervento del Presidente Pd Matteo Orfini blocca, almeno per ora, il provvedimento. Si attende una proposta della proprietà.

Un appuntamento che si è ripetuto diverse mattine quello indetto dai movimenti di lotta per la casa in via Prenestina 1391 presso gli spazi della Chiesa dei Padri Monfortani. Dal 28 gennaio centinaia di persone si sono riunite per bloccare l’annunciato sgombero dello stabile.

Quella che lo stesso Padre Angelo Epis aveva definito ai nostri microfoni “accoglienza” si è improvvisamente trasformata in “occupazione”. Il parroco ha sporto denuncia contro le famiglie chiedendo lo sgombero dello stabile occupato.

Alla base del cambio di rotta del sacerdote ci sarebbero, secondo gli occupanti, degli “accordi non rispettati”. A causa delle difficili condizioni di vita all’interno della struttura “siamo stati costretti ad occupare anche il secondo piano”. Si era giunti al compromesso di lasciare liberi i piani, eccetto l’ultimo nel quale si erano sistemati gli ospiti. “Da tempo chiedevamo a Padre Angelo di accendere i riscaldamenti visto che donne, bambini e anziani erano costretti a dormire per terra accatastati – spiegano i rappresentanti dei movimenti di lotta – Abbiamo sempre ottenuto delle risposte negative. Abbiamo quindi deciso di sistemarci anche al secondo piano perché non era più possibile vivere in quelle condizioni. Abbiamo sempre rispettato la struttura, pulendo quotidianamente gli spazi interni e esterni, ma questa iniziativa ha rovinato i rapporti  tra noi e Padre Angelo”.

Lo stesso parroco aveva dichiarato alla nostra testata che questa situazione “doveva ritenersi provvisoria in quanto mancano le condizioni igienico – sanitarie per accogliere tutte queste persone”.  Proprio Padre Angelo si era preoccupato di interloquire con le Istituzioni, prima fra tutte la Regione: “Avevamo da tempo un progetto. Volevamo che questa struttura fosse messa a disposizione dei più poveri. Questo evento non può che accelerare il nostro impegno a far partire il progetto”.

La situazione ora è completamente ribaltata. Gli ospiti presso la struttura non sono più graditi e dai movimenti di lotta azzardano delle ipotesi: “Dietro a questo malinteso senso della Misericordia divina, tuttavia, ci sarebbero interessi ben più terreni e mondani, ossia l’intenzione di svendere le palazzine a Cassa Depositi e Prestiti per trarne profitto. In un’ottica speculativa, pertanto, immaginiamo che le 120 famiglie costituiscano un evidente ostacolo all’investimento”.

Il 27 gennaio, grazie all’intervento del Presidente del Pd Matteo Orfini, si era istituito un tavolo di trattativa al quale però non si era presentata la proprietà. La resistenza dei movimenti deve aver ottenuto il successo sperato, perché ad oggi lo sgombero è congelato, anche se la proprietà non ha ancora ritirato la denuncia. L’intervento di Orfini ha fatto in modo che i Padri Monfortani accettassero una specie di tregua: si sta aspettando una proposta da parte loro per una sistemazione alternativa delle famiglie oggi all’interno dello stabile. Intanto all’interno della struttura gli occupanti stanno organizzando piccoli eventi: ultimo una festa di Carnevale.

Una situazione incandescente e delicata che rischia di scoppiare tra le mani della Chiesa che, in tempi di Giubileo, voluto da Papa Francesco nel segno della “misericordia ai poveri”, non rappresenta certo un buon biglietto da visita.

Federica Graziani

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/colle-monfortani-si-attende-la-proposta-della-chiesa/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.