«

»

Stampa Articolo

Colle degli Abeti. Quelle due palazzine di via Traglia isolate dal mondo

Palazzina via TragliaResidenti alle prese con la cronica assenza di strade, lampioni, acqua potabile, gas e linee telefoniche.  

Quella in cui vivono i nuclei familiari del comparto I/P di via Cardinale Luigi Traglia 95 del Piano di zona B4 Castelverde a Colle degli Abeti è una situazione pressoché indegna di un paese civile; ma forse tendiamo a esaltare un po’ troppo lo stivale d’Europa senza soffermarci ad una sana autocritica. Due palazzine gemelle di recente costruzione da sedici abitazioni ciascuna, ultimate nel 2009, ma per lo più disabitate perché chi ha acquistato casa sta aspettando che la zona sia resa quantomeno vivibile per potersi trasferire. Nelle abitazioni mancano il gas, l’acqua potabile e le linee telefoniche. E se questo non fosse già di per sé sufficiente a far gridare allo scandalo, si può sempre dare un’occhiata intorno alle due palazzine. Sembrano sorgere come cattedrali nel deserto lungo una strada senza asfalto che costeggia una pineta scendendo da una disastrata via delle Cerquete. Al calare del sole quelle due palazzine diventano zona off-limits. Non ci sono lampioni e l’unica illuminazione è quella condominiale. Ma è del tutto insufficiente tanto che, a pochi metri dal portone, lo spiazzale è completamente al buio. “Dopo il tramonto è impossibile uscire di casa e spesso di notte abbiamo anche delle auto in sosta che si fermano qui dopo aver caricato le prostitute”, spiega il signor Felice Palma mentre mostra i materiali da cantiere e una vera e propria discarica a ridosso di una delle due palazzine.

Una desolazione che non di rado ha favorito anche i furti nelle abitazioni e l’occupazione degli appartamenti disabitati da parte di senza fissa dimora. Una vera odissea fatta di promesse mai mantenute e intanto, a distanza di anni, continuano a mancare i servizi primari. Per raggiungere questa parte di via Traglia bisogna girare intorno a via delle Cerquete, perché venendo da via Liberti la strada è interrotta. E così i residenti del comparto I/P sono costretti a vivere in una sorta di area di cantiere, dove non c’è neanche acqua potabile. “Abbiamo sollecitato più volte i Dipartimenti comunali competenti ma ancora siamo in tali condizioni di degrado. Su questo versante di via Traglia non costruiscono più e le opere di urbanizzazione previste non sono mai state minimamente realizzate; mentre a poche centinaia di metri da qui stanno sorgendo nuovi edifici già dalla scorsa estate. Nelle abitazioni poi arriva solo acqua di cantiere e per il gas bisogna usare le bombole. Siamo abbandonati da tutti”, è lo sfogo del signor Palma che conclude mostrando una paradossale beffa all’insegna dello spreco. Nei garage di una delle due palazzine, quella disabitata, la luce è inutilmente accesa giorno e notte. E pensare che su via Traglia intanto è già buio pesto. Si accendono con fare timido soltanto le piccole luci condominiali, mentre un’altra notte sta per cominciare. Identica a tante altre già vissute in quel silenzio surreale, senza alcuna risposta. Simone Sperduto

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/colle-degli-abeti-quelle-due-palazzine-di-via-traglia-isolate-dal-mondo/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.