«

»

Stampa Articolo

Centocelle, Tronca chiede lo sgombero immediato delle proprietà comunali

casale falchettiIl Casale Falchetti alza la guardia contro la delibera che mette in pericolo il movimento associazionistico capitolino.

Un terremoto sta sconquassando le realtà associazionistiche dell’intero Comune di Roma: facendo seguito ad una delibera della Giunta Marino, la 140/15, il Commissario Tronca ha chiesto lo sgombero immediato di tutte le associazioni che a vario titolo usufruiscono di immobili di proprietà del Comune.

Questo colpo di spugna sta mettendo in pericolo tutti quei presidi sociali che tante volte hanno contrastato i fenomeni di disaggregazione sociale conseguenza delle crisi morali ed economiche che regolarmente si sono succeduti nella storia della Città.

Ad alzare la guardia contro la gestione Tronca, questa volta, è il Casale Falchetti sede del “Laboratorio sociale autogestito 100Celle” investito, come altre realtà, dalla frettolosa applicazione della delibera.

Da più parti è stata riconosciuta la necessità di porre ordine nella gestione di un ambito venuto tristemente alla cronaca a causa dei fatti di mafia capitale, ma dubbi sono sorti sulle modalità di applicazione dell’atto che, in più punti, lascia una certa discrezionalità agli amministratori. Il LSA 100Celle rileva come lettere di sfratto siano state recapitate “a decine e decine di associazioni titolari di assegnazioni di locali comunali senza alcuna informativa ai municipi e senza tener conto della specificità delle attività”.

Il problema non sarebbe, secondo quanto sostengono il presidente ed i consiglieri del collettivo, sottoporre le attività del Casale ad una qualche verifica; il problema sarebbe proprio la modalità con cui la delibera è caduta sulla testa della società civile. Quello che si contesta è che, proprio per la grande e pesante ricaduta sul tessuto sociale, non dovrebbe essere un commissario prefettizio ad applicarla ma la “politica che verrà, interloquendo con i cittadini”.

Per quanto si porti finalmente agli onori istituzionali il concetto di “bene comune”, infatti, il riordino e la messa a profitto del patrimonio passerebbe sopra, azzerandole, ad esperienze aggregative e sociali che hanno arricchito negli anni l’humus culturale della periferia romana.

“Contestiamo che il patrimonio da mettere a frutto siano questi spazi sociali – asserisce Pesce, membro del LSA 100Celle – Saranno le migliaia di appartamenti e di negozi il vero patrimonio pubblico, non quei pochi posti che noi abbiamo recuperato. Auspichiamo che Tronca interrompa questo processo perché non è in grado di governarlo politicamente – spiega ancora Pesce – Che lasci il campo alla politica con cui noi possiamo in qualche modo interloquire” perché la delibera non terrebbe in debita considerazione i percorsi di alcune realtà importanti che avrebbero animato le periferie e “tenuto testa al degrado. Tutto questo non può essere spazzato via da un atto puramente amministrativo”.

Intanto il LSA cerca di chiamare a raccolta tutte le associazioni che sul territorio del V si trovano nella stessa condizione tentando di costruire una rete, non dimenticando di investire anche la politica locale di quanto sta avvenendo incontrando sia il Presidente Palmieri che il Vicepresidente Veglianti.

“Abbiamo chiesto un incontro al Commissario e al dirigente che ha emesso la determina – assicura Veglianti – chiediamo la sospensiva rispetto alla vicenda di Casale Falchetti ma anche per tutte le vicende analoghe in modo tale da trovare interlocuzione e calibrare al meglio quanto la delibera indica e cercare di correggerla. Il metodo usato – continua l’ Assessore ai lavori pubblici – non fa giustizia del ruolo che i municipi hanno e della comunità che i Municipi rappresentano – e poi – E’ evidente che vada rimesso ordine ma noi dobbiamo ridefinire il significato del termine valore”.

Emanuela Martelluzzi

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/centocelle-tronca-chiede-lo-sgombero-immediato-delle-proprieta-comunali/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.