«

»

Stampa Articolo

Centocelle. Sfratto alla sede dell’ANPI: il Municipio chiede indietro i locali

sala Anpi Centocelle_1Improvvisa richiesta di restituzione dei locali assegnati per convenzione 9 anni fa: c’è di mezzo la 140 ma l’ingiunzione piove dal Municipio.

Una vera e propria doccia fredda per l’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia: nel pomeriggio dell’11 ottobre scorso arriva la notifica di uno sfratto messo in atto dal Municipio V di Roma in nome della “tronchiana” Delibera 140, ormai ben nota dopo i numerosi sfratti attuati ai danni di associazioni studentesche e centri sociali. Ma c’è qualcosa di diverso dal solito: l’ANPI non è uno studentato né un centro sociale, ma un’associazione storica con regolare affitto dei locali siti in Via dei Glicini e sede del distaccamento “Giordano Sangalli” di Centocelle. Una convenzione stipulata con l’allora Municipio VII e, successivamente, con il Municipio Roma V, a scadenza quadriennale, l’ultima decorsa nel luglio 2015: “Quando ci presentammo dall’allora Presidente Palmieri – ha spiegato Leonardo Rinaldi, vicepresidente ANPI Centocelle – per il rinnovo della convenzione, ci fu detto di aspettare, che era meglio rimandare. Non insistemmo troppo all’epoca, e ora ci troviamo questo regalino. Vorrei capire quanto di politico, più che di amministrativo, ci sia dietro. Noi siamo un’associazione morale, con una storia che merita rispetto. Ci conoscono nelle scuole e facciamo un lavoro che andrebbe premiato. Lascio aperta la speranza che si tratti di un disguido, ma quanto sta avvenendo mi lascia estremamente amareggiato”.

10968542_647800472015808_647258068755641061_nL’ingiunzione allo sgombero dei locali, pur rientrante sotto la Delibera messa in atto dal Commissario prefettizio Tronca, proviene direttamente dagli uffici del Municipio e non dall’amministrazione comunale, come le norme del caso dovrebbero prevedere: “Indiremo un’assemblea già lunedì 17, aperta agli iscritti e a chiunque voglia intervenire. Sia ben chiaro che noi non lasceremo i locali: esistono, anche nella zona di Centocelle, numerosi edifici abbandonati da anni, pronti a essere destinati alle associazioni. Il patrimonio esistente non viene usato, ma viene tolto a chi ne fa un buon uso. Chiederemo, come sempre nel massimo rispetto delle istituzioni, un incontro con il Presidente, poiché non credo che questo atto sia stato approvato senza essergli stato sottoposto. Nel caso tale incontro non si riesca a ottenere, coglieremo l’occasione della manifestazione del 28 ottobre prossimo, relativa al ‘no’ al referendum, per parlare anche di questa situazione. Mandarci via da quei locali, che non sono che seminterrati, significa disconoscere il nostro lavoro e l’impegno profuso nel realizzarlo, da noi e dai partigiani che hanno fondato questa Associazione”.

Insomma, la 140 torna a far parlare di sé, ma stavolta i chiarimenti sono attesi dall’istituzione locale anche e soprattutto perché i termini dell’occupazione valgono in quanto sussiste una scadenza della convenzione affittuaria, non una vera occupazione. E soprattutto non è il Comune a farsi carico di tale atto. L’ipotesi del disguido può quindi restare in piedi, anche se non molto credibile. A fare luce ci pensa il Presidente del Municipio Boccuzzi: “Tengo a precisare che l’input ai cosiddetti “avvisi di sfratto”, non parte da questa presidenza ma deriva direttamente dall’applicazione della delibera 140/2015 sul patrimonio indisponibile del Comune di Roma, che gli Uffici Amministrativi del Municipio stanno mettendo in atto nei confronti di tutte le associazioni presenti sul territorio e non solo con l’A.N.P.I. Come il M5S ha sempre affermato, sin dai tempi della campagna elettorale, stiamo alacremente lavorando al superamento della delibera in questione”.

Quindi la mano sinistra dell’amministrazione non sa cosa fa la mano destra?

Damiano Mattana

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/centocelle-sfratto-alla-sede-dellanpi-il-municipio-chiede-indietro-i-locali/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.