«

»

Stampa Articolo

Castelverde. Tronca sprecò 11 milioni stanziati per l’asse Polense – Via di Lunghezzina

22366426_531197240575088_1249763887448931621_nMentre gli abitanti invecchiano male nel traffico di Via Massa San Giuliano, l’attuale amministrazione ha l’occasione di realizzare l’opera già approvata.

Castelverde rispetta in pieno la distribuzione viaria di un tipico quartiere di origine abusiva: un’arteria centrale (via Massa San Giuliano) che lo spacca in due ai lati della quale si diramano stradine ad essa perpendicolari che non hanno sbocchi se non nell’aperta campagna. Nessuna strada di raccordo tra le vie secondarie, nessuna parallela alla suddetta arteria, che, proprio come quella di un vecchio cardiopatico con il colesterolo a mille, è continuamente occlusa e a rischio collasso. Il sistema “cardo-decumano” che i nostri antenati hanno cercato di insegnarci, si traduce in una strana rete viaria a lisca di pesce. Se abiti in una delle stradine secondarie e c’è un’emergenza sei spacciato. Se abiti sulla via principale e c’è un’emergenza sei comunque spacciato, imbottigliato ad attendere il tuo destino. Si può peggiorare una situazione del genere? Ma certo! Basta costruire un enorme agglomerato abitativo (Lunghezzina 2 e 3) nello sprofondo dell’agro romano, che rispetti lo stesso principio di un quartiere abusivo seppur in regola e collegarlo tramite una sola strada (via Ortona dei Marsi) all’arteria principale di cui sopra, intasando definitivamente l’unica strada che possa portare un cittadino fuori da questo ginepraio urbanistico e ripetendo lo stesso errore stavolta legittimandolo anche burocraticamente. Un’idiozia sadica che si ripete all’infinito come un macabro frattale.

L’asse inter-quartiere e lo spreco di Tronca. Per ovviare a questa catastrofica organizzazione urbanistica, venne presentato il progetto dell’asse inter-quartiere Polense-Lunghezzina di cui chiediamo conto a Andrea de Carolis, architetto e ex assessore all’Urbanistica della giunta Romanella: “L’asse di inter-quartiere di Castelverde è previsto dal piano regolatore, è stato finanziato nel passato e poi de-finanziato. Fu approvato in conferenza dei servizi e ha tutte le autorizzazioni per essere realizzato. Doveva essere una strada che unisce la via Polense a via di Lunghezzina facendo da raccordo a tutte le strade di Castelverde comprese quelle che hanno maggiori problemi, cioè i piani di zona Lunghezzina 2 e 3 dove ci sono 6000 persone completamente isolate dal circuito viario con un unico budello che le porta fuori dall’anfratto in cui sono relegate con gravissimi rischi in caso di emergenze”. La motivazione della mancata realizzazione rasenta il ridicolo,11 milioni di euro stanziati per l’opera sono andati persi perché: “L’allora commissario Tronca – continua De Carolis – non fece la delibera commissariale entro il 31 dicembre e quindi decadde la possibilità di avere anche la variante urbanistica approvata per le piccole parti al di fuori del PR dove già è previsto l’asse. Un’opera fondamentale, già approvata che andrebbe solo re-finanziata”. De Carolis auspica un normale iter amministrativo che porti alla realizzazione dell’opera: “In questi giorni l’attuale amministrazione, che ha promesso di portare a compimento tutte le opere incomplete, ha l’occasione di inserire a bilancio il re-finanziamento dell’asse. Basta che l’assessore al bilancio del municipio VI (Aristodemo D’Orrico, ndr) e quello ai lavori pubblici (Sergio Nicastro, ndr) lo propongano  e il loro omologo al Comune di Roma, Gianni Lemmetti (ex assessore a Livorno ora indagato per turbativa d’asta), lo inserisca nelle opere da realizzare, visto che proprio in questi giorni stanno approvando il bilancio e il programma triennale delle opere pubbliche, senza fare la caccia alle streghe… non è difficile”.

800mila euro già stanziati e tratti dell’asse già esistente, l’ostruzione del municipio. Ad acuire il senso di assurdità di questa vicenda c’è anche il fatto che pezzi di quest’asse sono già esistenti, strisce tratteggiate di strada che si interrompono davanti a cancelli eretti nel nulla per poi ricominciare qualche centinaio di metri più avanti: “Via Roseto degli Abruzzi, (Via Civitella Casanova, Via Manoppello nel tratto che gira verso la Terra del Popolo ndr), sono tratti di quell’asse che già esistono – spiega De Carolis – basta completare i tratti di 700 e 800 metri chiusi da cancelli davanti ai quali si ferma l’asfalto e comincia la campagna incolta. Questi tratti andrebbero a congiungersi all’asse secondario di via Fano Adriano che a sua volta si ricongiungerebbe a via Ortona dei Marsi e per fare queste opere ci sono 800.000€ già stanziati. Il municipio non agevola perché pare ci sia qualcuno dei consiglieri del municipio che la reputa un’opera inutile”.

Viabilità Lunghezzina, costruttori inadempienti, assessori inconcludenti. “Per la viabilità di Lunghezzina -continua De Carolis- il discorso è diverso, lì il Comune dovrebbe escutere la fideiussione ai costruttori o annullare la convenzione urbanistica ad essi concessa visto che hanno edificato e guadagnato senza adempire all’obbligo di realizzazione delle opere di urbanizzazione. É una delibera piuttosto facile che Luca Montuori (assessore all’urbanistica del comune di Roma, ndr) dovrebbe portare in giunta capitolina… Perché non lo fa?”.

Ora o mai più. L’asse inter-quartiere è un’opera di vitale importanza per la popolazione di Castelverde che, se non viene affetta da qualche grave malattia per via di ciò che viene interrato nel sottosuolo o emanato nell’aria, invecchia all’interno della propria automobile, nel traffico quotidiano per andare a lavorare e per tornare a casa. La proposta va fatta adesso, non si può perdere un’altra occasione né si può rinunciare a ore di vita che potrebbero essere impiegate in cose più edificanti che imparare ad odiare il “vicino” di automobile. Marco Severa

 

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/castelverde-tronca-spreco-11-milioni-stanziati-per-lasse-polense-via-di-lunghezzina/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.