«

»

Stampa Articolo

Castelverde, per la prima elementare non ci sono posti, ma spuntano per il tempo pieno a San Vittorino

ingresso-scuola-san-vittorinoL’appello parte da un gruppo di mamme che non hanno potuto iscrivere i propri bambini presso gli istituti di Castelverde. Eppure ci sarebbe la possibilità di formare una prima classe per il tempo pieno nella scuola di San Vittorino, nessuno però lo comunica ai genitori che in completa solitudine e autogestione, come ormai da diverso tempo,  hanno appreso la notizia con il passaparola.

E’ una storia che si ripete da anni: giovani coppie acquistano una casa nei quartieri del versante prenestino del VI Municipio di Roma, decidono di mettere radici e di creare una vita sociale e scolastica al proprio bambino in questo territorio, inconsapevoli di quello che il futuro, invece, riserverà loro. “Qui non c’è posto per suo figlio”, è quanto si sono sentiti rispondere dalle scuole di Castelverde alcuni genitori che avevano, udite udite, avuto l’ardire di fare domande per iscrivere il proprio bambino per il tempo pieno alla prima elementare sita nel quartiere in cui hanno deciso di costruire il loro futuro: Castelverde.

ingresso-scuola-corcolleParliamo di scuola dell’obbligo, di un diritto garantito dalla Costituzione Italiana. Qui, in VI Municipio, questo non vale. Basterebbe questo per saltare dalla sedia ed essere presi da una rabbia che ti fa tremare le vene dei polsi. C’è di più invece: una volta fatta domanda i genitori si sono visti non solo negare la possibilità di iscrivere il proprio figlio nel quartiere in cui risiedono ma è stata negata loro anche l’alternativa. Alternativa che c’è e che la sciuola non ha ritenuto di dover proporre. In tutto questo, come spesso accade, si aggiunge un completo disinteresse da parte dell’amministrazione locale che non informa, non comunica, che non sta sul ‘pezzo’.

Questi genitori hanno scoperto con il passaparola l’esistenza di un’alternativa per i propri figli, ovvero quella di poter creare una prima classe per il tempo pieno nell’Istituto Comprensivo Corcolle-San Vittorino, ma per farlo serve arrivare ad almeno undici alunni perchè, per formare una classe servono 16 bambini, ma 5 avevano già fatto iscrizione e sono stati dirottati a Corcolle.

A lanciare sul social network Facebook la notizia una mamma che in completa solitudine e in totale autogestione chiede all’etere che qualcuno sui faccia avanti per “procacciare” bambini utili alla causa. “Sono stata contattata giovedì scorso dalla scuola di Castelverde – racconta Francesca Borro – Mi hanno comunicato che non c’era posto per mio figlio nella loro scuola. Mi hanno proposto in alternativa la scuola di Villaggio Prenestino ma solo con tempo parziale. Io e mio marito lavoriamo fino alle sette di sera  e ovviamente abbiamo bisogno del tempo pieno. Mi hanno spiegato che le classi prime sono piene a Castelverde perché sono state formate dai bambini che provenivano dalla materna dello stesso istituto. Non ho avuto alter informazioni in merito, solo la risposta perentoria che i posti erano finiti. A parte il profondo dolore e sconcerto per non poter iscrivere mio figlio nella scuola del quartiere in cui ho deciso di investire il futuro della mia famiglia, quello che mi ha lasciato una profonda ferita è la totale assenza di proposte alternative. Anzi, mi hanno detto che dovevo fare io le telefonate presso tutti gli altri istituti, ogni giorno per sapere se si fosse liberato un posto. Con un passaparola tra alcune mamme, sono venuta a sapere che ci poteva essere la possibilità di formare una prima classe nella scuola di San Vittorino. Così li ho contattati e mi hanno risposto che le iscrizioni erano chiuse perché non era stato raggiunto il numero. Sono rimasta sconcertata perché se nessuno viene informata di questa possibilità, come si può pretendere di raggiungere il famigerato numero utile? Ho così richiamato la scuola di Castelverde per capire quali fossero i motivi per cui non offrissero ai genitori questa alternativa, visto che la scuola dovrebbe fare da collettore. Di tutta risposta mi sono sentita dire che non la offrono perché ‘Tanto a san Vittorino non cu vuole andare nessuno’. Sono basita, oltre ad essermi stato negato un diritto sacrosanto mi viene offerto un servizio allucinante. Non solo rispondono che non c’è posto ma si guardano bene di dirottare i genitori presso un’altra scuola garantendo in questo modo la possibilità ad un bambino di poter studiare come in un qualsiasi paese civile. Per essere formata la prima classe a San Vittorino servono 11 bambini e mi hanno detto che, visto che le iscrizioni sono chiuse, dobbiamo presentarci tutti e undici a scuola e fare una domanda cartacea. Ribadisco che il problema sta nel tempo pieno. L’istituto di Castelverde, dove non ci sono posti nè per il tempo pieno nè per il tempo a modulo, ha offerto alternativa solo verso il tempo a modulo a Villaggio Prenestino. L’unica alternativa possibile per il tempo pieno resta San Vittorino”.

Sulla questione interviene anche Andrea De Carolis, membro del comitato di quartiere Castelverde: “Ci organizzeremo per diffondere la notizia, tra l’altro la scuola di San Vittorino è un fiore all’occhiello del territorio, chi l’ha frequentata si è trovato benissimo e offre un ottimo servizio”.

Praticamente in una zona che offre già servizi scadenti non si cerca nemmeno di ‘metterci una pezza’ e cercare di risolvere l’incresciosa situazione con gli strumenti a disposizione. In Municipio tutto tace e così, come nostro solito, ci siamo trasformati in portavoce delle esigenze dei cittadini contattando Dario Nanni, Consigliere PD in opposizione, anche lui totalmente all’oscuro della questione: “Presenteremo un ordine del giorno affinché si possa risolvere in tempi brevi la vicenda. Ancora una volta questa Amministrazione dimostra un totale distacco dalla cittadinanza e dalla realtà che li circonda”.

Mamme, papà servono i vostri figli per i vostri figli. Se anche voi vi siete sentiti rispondere “Non c’è posto”, sappiate invece che i l posto c’è. Non sarà sotto casa ma è già qualcosa. Federica Graziani

 

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/castelverde-per-la-prima-elementare-non-ci-sono-posti/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.