«

»

Stampa Articolo

Borghesiana. Gli alunni dell’ Istituto comprensivo “Marco Polo” hanno partecipato al viaggio della memoria

img-20190325-wa0042Lunedì 25 marzo i ragazzi hanno varcato i cancelli di Auschwitz e Birkenau, hanno visitato i luoghi dell’orrore e della brutalità umana.

“Cari studenti, in occasione dell’incontro avuto con voi un mese fa, mi è stato consegnato un biglietto. Sul foglio c’era scritta questa frase: vorrei chiedere perdono per quello che ha fatto mio nonno. Lui era uno di quei fascisti. Non ricordo chi sia stato a darmelo, ma desidero rispondergli con queste parole: stai tranquillo ragazzo o ragazza, il comportamento del nonno ti serva da lezione, ma le colpe dei nonni non  devono ricadere sui nipoti come quelle dei padri non devono ricadere sui figli. L’importante è riconoscere e capire la lezione, qual è la via giusta e qual è quella sbagliata. Per dirla francamente non si è trattato di errori ma di crimini”. Con queste parole di Piero Terracina, sopravvissuto al campo di concentramento di Auschwitz, il presidente del consiglio regionale del Lazio Daniele Leodori ha salutato i circa 500 ragazzi e ragazze provenienti dalle scuole dei comuni di Colonna, San Cesareo, Zagarolo, Rocca S. Stefano, Labico, Olevano, Sambuci, Gerano, Ciciliano, Poli, Colleferro, Gallicano, Arcinazzo Romano, Cerreto e dall’l'istituto Comprensivo “Marco Polo” di Roma che hanno partecipato al “Viaggio della memoria” nell’ambito del progetto “Ora, Noi testimoni”.

Lunedì 25 marzo i ragazzi hanno varcato i cancelli di Auschwitz e Birkenau, hanno visitato i luoghi dell’orrore e della brutalità umana. Sono stati momenti intensi, dolorosi, di forti emozioni, di lacrime e angoscia, ma  come ha detto la presidente della Comunità ebraica Ruth Dureghello, servono per creare “gli anticorpi per capire dove sono il bene e il male, per capire da che parte stare e difendersi da falsità e approssimazione di chi vi vuole infondere paura e odio”.
Grazie di cuore al Presidente Daniele Leodori per l’opportunità che ha dato ai nostri alunni ed alunne di diventare testimoni della memoria, perché come dice Guccini nella canzone “Auschwitz”, che i ragazzi hanno cantato tutti insieme nel momento conclusivo del viaggio, “ancora tuona il cannone, ancora non è contenta di sangue la belva umana”.
Importanti e significative le altre tappe del viaggio: Vienna, che per 7 anni subì l’occupazione nazista, Cracovia e il quartiere ebraico, dove la persecuzione nazista ha mietuto migliaia di vittime, le miniere di Salgemma, usate dai nazisti per la produzione di impianti bellici, infine Wadowice, la città natale di Giovanni Paolo 2°.
Un viaggio indimenticabile – spiega Gabriella Giuliani – che ho vissuto in duplice veste: da un lato come insegnante dell’I. C. ”Marco Polo”, insieme alle mie meravigliose colleghe Paola Del Vecchio, Roberta Brandolini e Beatrice Venturi, dall’altro come Assessora del Comune di Colonna, con due splendidi gruppi di ragazzi che hanno viaggiato insieme integrandosi perfettamente. Un’organizzazione impeccabile grazie alla professionalità e alla competenza di Eligio Cipriani e alla sapiente regia di Sandro Runieri, referente del viaggio per la presidenza del consiglio regionale. Infine un doveroso riconoscimento al dirigente scolastico dell’I. C. “Marco Polo”, prof. Francesco Senatore, per aver creduto nell’alta valenza formativa del progetto che ha visto coinvolti 33 alunni di terza media.

 

 

Permalink link a questo articolo: http://www.fieradellest.it/borghesiana-gli-alunni-dell-istituto-comprensivo-marco-polo-hanno-partecipato-al-viaggio-della-memoria/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.